Tutto su: Progressive

Metal
19/05/2010 20:00

Si sciolgono gli Isis

Metal
19/05/2010 14:00

Nuovo cantante per i Crimson Glory

Metal
30/04/2010 15:00

Cynic: due date italiane a giugno

- 28/06/1999 00:00

Cesare Rizzi - Progressive

Ah, progressive! Dove sei oggi, se non in questi libri che ti eternano giovane e fertile di memorie? Sono lontani anni luce quei tempi – primi anni ’70, in gran parte – in cui la tua musica la faceva da padrona in Europa e anche negli States, in cui riempire con un solo brano un intero lato di LP era quasi un must, in cui le improvvisazioni strumentali erano la vera libidine e i cantati venivano quasi malsopportati… Eppure ti hanno relegato già ai libri, nascosto negli archivi, tuttalpiù revitalizzato grazie a qualche copertine famosa per caso (“Brain salad surgery”), niente celebrità, revival e nostalgia come a quelli degli anni ’80, sdoganati già in tv e sulle compilation. Il progressive è il grande peccato mortale della musica rock: una sorta di ansia di prevalere dell’uomo sulla musica, sulle misure, sulle distanze, sulle proporzioni: il faraonico è dietro l’angolo, il pomposo è a portata di mano, fino a quando il soufflé si sgonfia e allora di quella splendida festa non rimane più niente. Anzi, quelli che c’erano passeranno la vita a dire che loro non c’erano stati davvero, tutt’al più erano passati a dare un saluto. Imbarazzo giustificato, in parte, in parte no, perché qualcosa di buono il prog – anglosassone e italiano – lo ha lasciato: i primi King Crimson, i Genesis, a little bit of Yes, Battiato sperimentale, il Canterbury di Hatfield and the North, qualche Camel, sprazzi di EL&P nonostante loro stessi, verrebbe da dire, e poi Moody Blues, Family, Gentle Giant, perfino i Pink Floyd. Proseguendo la tradizione di questi nuovi atlanti universali, la Giunti sforna un volumetto agile ed essenziale in base al quale potrete:
1. confrontare i vostri gusti con quelli dell’autore in quanto a progressive, se siete ferrati con il genere, visto che di ogni artista sono indicati i dischi da non perdere.
2. colmare qualche eventuale lacuna.
3. appassionarvi alla trattazione – a dire il vero, ipotesi alquanto remota a 180 giorni dal 2000 – e spingervi all’acquisto di qualche capolavoro negletto e dimenticato come i primi di Hatfield & The North oppure “Sulle corde di Aries” di Franco Battiato.
In ogni caso non disprezzate, visto che questa musica ha fatto battere il cuore a molti, e molti altri ne ha battezzati musicisti, non ultimo quel fenomeno del batterista dei Police, che suonava nei Curved Air per amore della sua donna.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.