I Vidocq debuttano su Andromeda Relix

A poco più di due anni dalla nascita, i torinesi Vidocq – guidati da un personaggio ben noto a chi conosce la scena metal italiana anni Ottanta e Novanta: Enrico Rigolli dei Purple Angels – sono giunti alla pubblicazione del loro primo lavoro, il cd omonimo per Andromeda Relix.

I 10 brani – più due bonus track – inclusi in “Vidocq” mostrano una formazione alle prese con un hard rock anni Settanta ricco di influenze legate alla gloriosa tradizione del prog italiano (dal Banco alla PFM, ma perché no, anche le band minori degli anni Ottanta come Sithonia e Arcansiel); su tutto questo si innestano diverse sensibilità che vanno dall’heavy al folk traditional.



“Il nostro genere credo sia un classico e robusto rock anni Settanta”, spiega proprio Rigolli, “con tante sfaccettature. Tutti noi infatti abbiamo consumato i vinili di quel periodo. Le nostre band di riferimento per l'hard sicuramente sono i Black Sabbath, i Blue Oyster Cult e i Deep Purple. Per il nostro versante più prog invece Genesis e Yes”.

E, a proposito di suggestioni e influenze, molto dicono anche i due pezzi bonus, a fine cd, ossia due cover rispettivamente di “750.000 anni fa l’amore” del Banco Del Mutuo Soccorso e “No Time no Space” di Battiato.





Si tratta, dunque, di un disco maturo, in cui le spigolosità dell’hard sono arrotondate, addomesticate e piegate a un’indole più riflessiva – ma non spogliate dell’energia che, se mancasse, farebbe inevitabilmente deragliare il tutto fuori dai binari del rock; lo dimostra, ad esempio, la bella apertura con “Cuore nero”, un brano carico e raffinato al tempo stesso. “Sono canzoni ben distinte senza un vero e proprio filo conduttore” ci racconta Rigolli; “abbiamo cercato di crearle come fossero piccole sceneggiature. Tra di loro hanno in comune l’idea di libertà e la voglia di avventura”.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.