«ASHES & DUST - Warren Haynes» la recensione di Rockol

Warren Haynes - ASHES & DUST - la recensione

Recensione del 06 ago 2015 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Difficile trovare in giro un musicista rock più versatile di Warren Haynes. Da membro aggiunto della Allman Brothers Band a quello che doveva essere un side-project e ora è la sua band principale, Gov’t Mule. Per non parlare delle infinite volte in cui ha collaborato con altri musicisti (a partire dagli ex-Grateful Dead, nei Dead, la versione post-Jerry Garcia degli ex membri). E per non parlare anche della quantità di cose diverse che fa con i Mule (basterebbe citare solo tutte gli show dedicati al repertorio di altri gruppi: Stones, Pink Floyd, etc).

Un musicista che non sta mai fermo, ma incredibilmente in versione solista ha pubblicato pochissimo: tre dischi in 22 anni: ”Ashes and dust” arriva a quattro anni da “Man in motion”, che a sua volta arrivava 18 anni dopo “Tales of ordinary madness”. Il lavoro, assemblato in compagnia dei Railroad Earth, include tanto brani di recente composizione quanto canzoni scritte nel corso di una vita.

Il disco infatti ha un approccio folk-rock e blues, in prevalenza acustico, che Haynes non pratica spesso altrove. Così le canzoni con questo stile sono state messe da parte e recuperate. Il risultato funziona eccome, e ricorda certe cose di John Mellencamp, soprattutto in brani come l’iniziale (“Is it me or you”) ma con uno spirito più “jam”, come da tradizione dei Mule, degli Almann e dei Dead. Diverse canzoni sforano i 6, 7 anche 8 minuti, come “Spots of Time”, scritta con Phil Lesh dei Grateful Dead, che infatti sfocia in una jam di violino e chitarra. C’è spazio per il blues di “Stranded in self pity”, e pure per una bella e personale rivisitazione di “Gold dust woman" dei Fleetwood Mac, con Grace Potter a fare ottimamente la parte di Stevie Nicks.

Insomma, Haynes è un fuoriclasse. Qualunque cosa tocca, con qualunque genere si confronta, vince. “Ashes and dust” ha pure il pregio di essere un disco più accessibile e diretto di certe cose dei Mule, quelle ostiche a chi non ama il jam-rock. Questo album invece è più dritto e cantautorale, ma sempre suonato e cantato da Dio. Amanti del rock americano, fatevi sotto
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.