«KYLIE MINOGUE - Kylie Minogue» la recensione di Rockol

Kylie Minogue - KYLIE MINOGUE - la recensione

Recensione del 25 mar 1998

La recensione

Una volta si partiva mirando in alto, con dischi ambiziosi e oscuri, che piacevano solo a pochi critici. Poi si scendeva a più miti pretese, e i suddetti critici indignati accusavano gli artisti di essersi "venduti" e aver "tradito". Ormai dobbiamo abituarci a vedere il contrario: si parte con dischetti di facile consumo, e poi si arriva a lavori decisamente sofisticati. Ragion per cui, trattenetevi dallo sputare su Spice Girls e Backstreet Boys, perché tra sei-sette anni acquisterete i dischi loro o dei loro transfughi, giunti a maturità artistica e concettuale...

Ad esempio, tutto avremmo pensato, tranne che di ascoltare un disco così, su un’etichetta indipendente, da parte della pupattola australiana di "I should be so lucky" e "Tears on my pillow". Dimenticatevi quelle canzonette senza nerbo: la Kylie di oggi è una delle poche cantanti a dare ragione del termine "pop": più degli U2, avrebbe avuto il diritto di intitolare così il disco, invece che col solo nome e cognome - a dir la verità, il titolo originale e la copertina prevedevano la Nostra nei panni di una "Impossible Princess". Poi, come forse sapete, la Principessa Diana ci ha lasciati, e la cosa non è parsa opportuna.

Tornando al disco, è davvero mica male. Senza gettarsi a capofitto in una sorta di "indie"gestione tanto per rifarsi una verginità, rinnegando il passato da hit-parade, la ormai trentenne star della videomusica riesce a mostrare la vitalità e le potenzialità di un genere passando da suggestioni alla Massive Attack (opera dei Brothers in Rhythm) al rock caramelloso di "I don’t need anyone", e poi ancora agli ammiccanti graffi di "Some kind of bliss" (entrambe scritte in collaborazione con James Dean Bradfield dei Manic Street Preachers) fino a farci ipnotizzare da "Breathe". E allora, pure questo ci tocca, di ricrederci su Kylie Minogue: questo è il disco che ci aspettavamo da Madonna e che Madonna probabilmente non farà mai. O dovremo ricrederci ancora?

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.