«JUST A DREAM - Paul Weller» la recensione di Rockol

Paul Weller - JUST A DREAM - la recensione

Recensione del 10 lug 2009 a cura di Alfredo Marziano

La recensione

E’ vero, sta esagerando (ma non sarà solo colpa sua). In dodici mesi, oltre a questo dvd+cd, ha sfornato un disco denso e torrenziale di durata equivalente a quella di un doppio Lp (“22 dreams”), un quadruplo box di BBC Sessions radiofoniche e un’antologia di esibizioni televisive sempre per la Beeb. Non bastasse, minaccia già un nuovo album prima di dire addio al 2009. Che gli ha preso, a Paul Weller? E’ che, prima della morte del padre avvenuta il mese scorso, si trovava in fase decisamente “up” (fin troppo, ricordate la notte brava a Praga impietosamente ripresa dai tabloid inglesi e da YouTube?), e l’attraversamento del guado dei 50 anni gli ha messo addosso un’adrenalina che la metà basta. Poi ci sono i calcoli di marketing della casa discografica, lesta a lucrare sugli ottimi esiti commerciali di “22 dreams”, finito al numero uno in Inghilterra. Ed ecco allora un documento video (ancora BBC Session) e “live” del disco, in compagnia della nuova band. I welleriani d’ala conservatrice non hanno preso bene il licenziamento del bassista Damon Minchella e (soprattutto) del batterista Steve White, compagno di una vita. Ma qui, bisogna ammettere, i giovani sostituti si dannano l’anima per meritarsi il posto (tutti cantano, batterista e tastierista suonano anche la chitarra), e poi c’è sempre Steve Cradock, gran stilista della sei corde, a garantire continuità col suono del recente passato. E’ una sfavillante performance in versione deluxe, questa, con una sezione fiati maschile e una sezione d’archi femminile, schitarrate mod-psichedeliche (“Peacock suit”, “22 dreams”, “From the floorboards up”, “Echoes round the sun”, “Push it along”), sontuose ballate da Brill Building come “Invisible” e scintillanti bagliori folk come “All on a misty morning”. Dà man forte un drappello di amici di “22 dreams” e altre avventure: Barrie Cadogan alias Little Barrie, Gem Archer degli Oasis, Graham Coxon ed Eliza Carthy, discendendente della più nobile dinastia del folk inglese: il suo violino raspa e scuote una ammaliante versione dub e zingaresca di “Wild wood”, a riprova che Weller ama anche reinventarsi. E ricordarsi del passato, in questo caso gli anni giovanili con i Jam. Il pezzo più emozionante del concerto è “The butterfly collector”, stupenda ballata introspettiva. Il più testosteronico “Eton rifles”, cartolina dai tempi delle barricate: portentoso che trent’anni dopo Weller sia bellicoso come allora. Completano il ricco banchetto cinque estratti dalle prove, due promo clip, interviste (senza sottotitoli: sta diventando una brutta abitudine) e un cd bonus con una rauca esibizione alla Brixton Academy registrata lo scorso mese di novembre.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.