«DIG OUT YOUR SOUL - Oasis» la recensione di Rockol

Oasis - DIG OUT YOUR SOUL - la recensione

Recensione del 08 ott 2008 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Gli Oasis sono il sogno di ogni giornalista: hanno sempre la battuta pronta, il "gancio" per un titolo. Quando, qualche giorno fa, Liam è passato a Milano a presentare il nuovo album “Dig out your soul”, ha detto che è stato inciso “sotto l'effetto della gazzosa”. Una boutade, ma non troppo, in risposta a chi gli ricordava il ruolo svolto dagli stupefacenti nella prima fase della carriera della band.
Ora gli Oasis sono puliti, sembra dire il cantante, ma non rinunciano a giocare. “Dig out your soul” è davvero un disco alla gazzosa: spumeggiante, ma con un retrogusto amaro che non convince fino in fondo. E' volutamente un album meno diretto di “Don't believe the truth”, non ha il singolone alla “Lyla” - anche se “The shock of lightining” è un buon candidato – ed forse altrettanto ambizioso. Tanto l'album del 2005 sembrava un tentativo – riuscito – di affermare il proprio ruolo nel panorama "stadium-rock" contemporaneo, quanto questo sembra voler dire, “ehi, noi siamo quelli che sanno anche sperimentare”.
Ha detto una cosa interessante, Liam, nella conferenza stampa: per lui i Coldplay sono vecchi, sono come Sting. Vero o no che sia, è comunque interessante notare come gli Oasis facciano di tutto per sembrare giovani, diversi, per allontanarsi da un'idea tutta loro di rock troppo facile e consolatorio. In questa chiave va letto “Dig out your soul”, con le sue canzoni più “psichedeliche”, ovvero con intermezzi strumentali più lunghi e dilatati che in passato, anche se la loro durata raramente supera i 4 minuti.
Il tentativo è apprezzabile, il risultato è inevitabilmente un po' meno compatto che in passato, anche se i fratelli Gallagher rimangono dei maestri nel costruire muri di suono o melodie tipicamente “brit” (come l'omaggio di Liam a Lennon, “I'm outta time”). In questo giustificano appieno il loro status, sia che usino le droghe, sia che preferiscano la gazzosa.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.