«WHITE CHALK - PJ Harvey» la recensione di Rockol

PJ Harvey - WHITE CHALK - la recensione

Recensione del 12 ott 2007 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Voleva dimostrare qualcosa. Voleva dimostrare qualcosa è c'è riuscita. PJ Harvey è un'artista che ha i suoi modi e i suoi tempi, è non è un caso che "White chalk" sia solo il terzo disco in sette anni, e che perdipiù arrivi a 4 dal precedente "Uh huh her". Se quel disco era un allontamento dal rock diretto di "Stories from the city, stories from the sea", "White chalk" è un allontanamento dal rock, e basta.
E' un disco strano, come è strana lei: le canzoni sono state scritte prevalentemente al piano, e PJ Harvey dice di essersi sforzata a cantarle con la sua voce vera, non quella impostata dai troppi ascolti di blues. Tradotto: qua non c'è la PJ Harvey che conosciamo, in nessuna delle sue incarnazioni precedenti. "White chalk" è un disco di canzoni minimali, sbilenche, ma con un loro fascino particolare. Un fascino un pò perverso - a quello PJ Harvey ci ha sempre abituato - ma anche claustrofobico e soffocante. Gli accenni alla melodia lineare sono pochi, qua dentro; e anche quello che dovrebbe essere il singolo, "When under ether" non ha di certo un ritornello. Sono poche o nessuna le canzoni di "White chalk" che ti rimangono in testa, forse l'iniziale "The devil", o la title-track, perché assomiglia ad una ballad acustica. Ti rimane appiccicata invece l'atmosfera, nel bene e nel male.
PJ Harvey voleva dimostrare di essere un'artista vera, con una propria visione delle cose e della musica. Da questo punto di vista "White chalk" è riuscitissimo: è un disco personale, che non assomiglia a niente altro. Però rischia anche di essere un vicolo cieco, che allontanerà molti ascoltatori da un'artista che già di per sé è tutt'altro che facile. Insomma, onore al coraggio. Però, anche se apprezzerete "White chalk", è probabile che non vi venga voglia di metterlo su spesso, a meno che non abbiate tendenze depressive...

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.