«BLINK-182 - Blink-182» la recensione di Rockol

Blink-182 - BLINK-182 - la recensione

Recensione del 14 gen 2004

La recensione

Prima o poi arriva il momento di lasciarsi alle spalle la scuola superiore. Succede a tutti, anche ai Pierini che fino a quel momento hanno passato buona parte del loro tempo a esercitarsi in brillanti esercitazioni di umorismo di argomento genitale o a perfezionare l'arte di incendiare i propri peti. I Blink-182 hanno costruito buona parte delle loro fortune sulla capacità di dare una voce pop/punk allo spirito festaiolo e cazzaro degli adolescenti americani. Il giochetto è riuscito alla perfezione con "Enema of the state": copertina con pornostar scollacciata, video famoso che prende per i fondelli i Backstreet Boys e discografici felici di fronte ai dati di vendita. Ma adesso il gruppo ne ha abbastanza delle barzellette zozze e vuole fare sul serio, possibilmente senza perdersi per strada i fans.
Questo album vede i Blink impegnati a costruire arrangiamenti decisamente più elaborati del solito: i limiti della formazione a tre vengono superati con l’apporto di qualche ospite esterno e l’approccio è più sofisticato rispetto alla linearità dei vecchi successi. Idea non disprezzabile, che però contrasta con la tendenza a rigirare sempre le stesse formule melodiche, evidente soprattutto nelle cantilene di Tom DeLonge. Può funzionare come trucco per mantenere saldo il contatto con i vecchi ammiratori, ma finisce col ridimensionare gli sforzi per trovare strade diverse. Sfilano così pezzi caratterizzati da scelte insolite per il gruppo, come "I miss you" (chitarra acustica, contrabbasso e batteria suonata con le spazzole), la lenta "All of this" cantata insieme a Robert Smith dei Cure, e lo strumentale "The fallen interlude" (non molto riuscito, in verità), ma anche episodi più aggressivi come “Go” (facilmente accostabile al passato della band), “Stockholm syndrome”, “Always”, con un ritornello che ricorda i Bad Religion, e “Violence”. L’impressione generale è che i tre siano sinceramente convinti di questa svolta (sul booklet si dilungano anche a spiegare dettagli tecnici sulla registrazione dei brani), ma per ora restano in un limbo indefinito, a metà strada fra le ambizioni da grande gruppo rock e la voglia di fare casino da giovinastri cresciuti col punk. Potrebbero anche riservare qualche sorpresa in futuro, sempre che il pubblico abbia voglia di continuare a seguirli. Per i fan accaniti, vale la pena di segnalare la presenza di una traccia video con ben quattro clip (“Feeling this”, “obvious”, “Down/The fallen interlude” e “Violence”). Può bastare, in attesa di tempi migliori?

(Paolo Giovanazzi)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.