«PSYENCEFICTION - UNKLE» la recensione di Rockol

UNKLE - PSYENCEFICTION - la recensione

Recensione del 26 ago 1998

La recensione

Prendete due tizi qualunque: uno chiamatelo James Lavelle, dategli una liquidazione qualunque e fategli aprire un’etichetta discografica, che è qualunque soltanto all’inizio. Eh sì, perché lui la chiama Mo’Wax e gli fa pubblicare dei dischi strani, ma talmente strani che a poco a poco diventano mainstream. "Ho sempre voluto mettere insieme i differenti tipi di musica con cui sono cresciuto, per arrivare a creare qualcosa che potesse piacere a quanti hanno la mia età", dice Lavelle, che intanto si esibisce in una serie di spettacolari remix come "Planet Telex" dei Radiohead, "Bittersweet Symphony" dei Verve, "Downer" di Edwyn Collins, "Where It’s At" di Beck (eletto come secondo miglior remix dell’anno 1996 dal New Musical Express) e ancora "Bell Bottoms" di Jon Spencer Blues Explosion e "Karmacoma" dei Massive Attack. L’altro si chiama Josh Davis, gli piace la musica e il campionatore: quando inizia pensa di farsi chiamare DJ Shadow, ma l’ombra di mistero dura pochissimo perché "Endtroducing", il suo album d’esordio, è tra i cinque migliori album dell’anno 1997 per tutti i giornali musicali del mondo (o quasi). Eccoli qui, i nostri due tipi qualunque: due mostri. Così come mostruoso è il loro lavoro insieme per questo progetto Unkle, nel quale il loro mondo virtuale fatto di scenari sonori in perenne mutamento si arricchisce di presenze talmente reali da sembrare immaginarie anch’esse: Richard Ashcroft (Verve), Thom Yorke (Radiohead), James Newstead (Metallica), Mark Hollis (Talk Talk), Will Malone (arrangiatore dei Massive Attack), Mike D (Beastie Boys), Kool G Rap (leggenda hip hop della old school) sono i protagonisti di queste soniche avventure, che siete pregati di degustare come si fa con quello che potrebbe prepararti per cena un grande chef. Questo è lo stato dell’arte oggi, questo lo scenario futuribile, questa solo un’indicazione su dove ci si può spingere quando si metta il campionatore al servizio della propria sensibilità. Unkle è una tappa obbligata per tutta la musica di questi tempi.

Track list:

  • Intro <Optional>
  • Guns blazing <drums of death pt.1>
  • Unkle - Main title theme
  • Bloodstain
  • Unreal
  • Lonely soul
  • Getting ahead in the lucrative field of artist management
  • Nursery rhyme
  • Breather
  • Celestial annihilation
  • The knock <drums of death pt.2>
  • Chaos
  • Rabbit in your headlights
  • Outro <mandatory>
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.