«BLOOD MONEY - Tom Waits» la recensione di Rockol

Tom Waits - BLOOD MONEY - la recensione

Recensione del 08 mag 2002 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Come in un gioco di specchi, ecco Tom Waits 2002, parte seconda. “Blood Money” è il disco gemello di “Alice” (vedi la recensione pubblicata ieri). Come quest’ultimo nasce dalla collaborazione con Robert Wilson: le canzoni di questa raccolta sono state scritte per la messa in scena “Woyzeck”, che ha debuttato a Copenaghen nel novembre 2000.
Si tratta quindi di materiale più recente di quello di “Alice”, che risale ai primi anni ’90. Tom Waits ha scelto di interpretarlo in maniera molto differente: i toni sono decisamente più teatrali, jazzati, quasi rumoristici. Vengono alla mente Brecht e Weil, in più di un episodio: sarà una suggestione o sarà perché l’origine di questa messa in scena è un'opera tedesca (“Woyzeck” è stato originariamente scritto nel 1837 dal poeta tedesco George Buchner). Ma queste influenze non sono una novità: la cifra stilistica del cantautore californiano, soprattutto nel periodo post-“Swordfishtrombones”, è stata la fusione del songwriting americano con una teatralità interpretativa di derivazione europea.
“Blood money” è sicuramente il disco più ostico del duo. Quello strumentato in maniera più ardita, più incentrato su strutture irregolari, come dimostrano l’iniziale "Misery is the river of the world" o "God's away on business". Solitamente, Waits sembra calcare volutamente la mano sulla inimitabile voce, per far emergere questa dimensione più teatrale. Lo si nota soprattutto nelle ballate, stupende come ogni canzone di questo tipo scritta dal Nostro, ma meno lineari di quelle che invece dominano Alice: “Coney Island baby”, per esempio, o "Another man's vine".
“Blood money” è un disco speculare ad “Alice”: differente eppure totalmente complementare. Non lo si può certo accusare di avere pubblicato troppo materiale (come si poteva fare, per esempio, nei rari casi in cui qualcuno fece operazioni simili: lo Springsteen di “Human touch” e “Lucky town” o i Guns n’ Roses di “Use your illusion I & II”). Queste canzoni (ancora una volta co-firmate con la moglie) hanno storie sono diverse, ma sono simili nella loro bellezza.
“Alice” pare un disco più piacevole (strano aggettivo, riferito a Waits…), perché fa riscoprire un lato del Nostro che, forse, si era un po’ perso, quello delle ballate. Detto questo, la sua musica, considerando tutta la fuffa che ci gira intorno, non è mai troppa…

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.