«DISCOVER - Zucchero» la recensione di Rockol

Alla scoperta delle cover di Zucchero

Le costrizioni dovute alla pandemia hanno regalato al musicista emiliano il tempo di lavorare a un progetto che aveva da tempo nel cassetto

Recensione del 18 dic 2021 a cura di Paolo Panzeri

Voto 7,5/10

La recensione

Il 2021 per Zucchero è stato discograficamente l'anno delle prime volte. Nulla di sconvolgente, per carità. Il ridotto raggio d'azione dovuto alla pandemia ha lasciato del tempo in avanzo per poter seguire più di un progetto. Così la scorsa primavera con "Inacustico D.O.C. & more" il musicista di Roncocesi pubblicò per la prima volta un album totalmente acustico (in verità è presente qualche piccola concessione elettrica, trascurabile per il risultato finale) riproponendo in quella veste il suo precedente "D.O.C." del 2019, ora, con "Discover", la sua prima volta è dedicata alle cover, alle canzoni altrui.

500 canzoni

"Una cover per me ha senso se viene personalizzata a tal punto da sembrare una tua canzone per questo “Discover” è un disco mio, anche se le canzoni che contiene non sono state scritte da me. Era da molto tempo che pensavo ad un album di cover e se ci ho messo molto è perché le tracce che ho inserito nel disco sono l’ultima scrematura di una selezione che inizialmente comprendeva circa 500 tra le canzoni che ho amato di più nella mia vita". Così parlò Zucchero. Sono parole importanti perché rendono il senso del disco. I tredici brani che hanno superato una così ampia cernita sono sia italiani che stranieri e forse il rilievo del musicista emiliano è del tutto superfluo perché la sua impronta è così decisa e personale che ogni canzone da lui interpretata finisce per sembrare, in qualche modo, una sua canzone. Il punto centrale della questione però, aldilà della scelta dei brani sta, come sempre, nel risultato finale. Questo di certo risulta essere buono, ma non sorprendente, poiché non era suo intento impressionare con effetti speciali.

Collaborazioni ma non solo

Belli e intensi i primi due brani in tracklist, "Amore adesso (No Time for Love Like Now)" di Michael Stipe e Aaron Dessner dei National e "Canta la vita (Let Your Love Be Known)" di Bono che regala ad Adelmo anche un featuring.

Di queste canzoni dice "non sono mai state pubblicate su disco dagli autori, ma dopo averle ascoltate casualmente in rete durante la fase più acuta della pandemia, me ne sono innamorato e ho chiesto ai miei amici il permesso di adattarne il testo in italiano." Oltre a Bono vi sono altre tre collaborazioni, anzi due: quella di Elisa in “Luce (Tramonti a nord est)”, brano firmato da Zucchero e dalla musicista di Monfalcone che vinse nel 2001 il festival di Sanremo e quella di Mahmood, davvero molto pregevole, in “Natural blues”, la versione di “Trouble so hard” della interprete folk nera Vera Hall che ne fece Moby nel 1999 per il suo fortunato album "Play". La terza è una collaborazione, anzi un duetto, virtuale, con Fabrizio De André, sulle note e le parole di “Ho visto Nina volare”, brano presente nell'ultimo disco del cantautore genovese "Anime salve", scritto insieme a Ivano Fossati nel 1996.

Buona la prima!

Il primo singolo di "Discover" è stato la riuscita versione di "Follow you follow me", primo successo del 1978 dei Genesis allora rimasti nella attuale formazione a tre. Zucchero riesce ad 'addomesticare' da par suo anche hit quali "The scientist" dei Coldplay, "Wicked game" di Chris Isaak e "Human" di Rag'n'Bone Man. E qui si torna al punto di partenza: le canzoni presenti nel disco ad ogni successivo ascolto diventano sempre più di Zucchero e se ne apprezza la sua interpretazione lasciando a livello di chiacchiera il paragone con gli originali oppure se fosse il caso o meno di pubblicare un album di cover che spesso sono indice di mancanza di materiale originale di buona qualità da proporre. Considerato che era una prima volta, buona la prima!

TRACKLIST

03. The Scientist (05:05)
04. Wicked Game (04:20)
05. Luce (Tramonti A Nord Est) (04:42)
07. Natural Blues (04:07)
08. Fiore Di Maggio (04:26)
09. Human (03:42)
10. Con Te Partirò (04:08)
11. High Flyin' Bird (03:29)
13. Lost Boys Calling (03:41)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.