«MI ERO PERSO IL CUORE - Cristiano Godano» la recensione di Rockol

Le ballate acustiche di Cristiano Godano senza i Marlene Kuntz

Nel suo esordio in solitaria il frontman dei Marlene Kuntz cita Bob Dylan e mostra ai fan un lato più luminoso.

Recensione del 28 giu 2020 a cura di Erica Manniello

La recensione

Di tutte le tredici canzoni di “Mi ero perso il cuore” – quattordici per la versione in vinile che include anche la bonus track “Per sempre mi avrai” – forse solamente “Lamento del depresso” ricorda la band alla quale Cristiano Godano lega il suo nome, i Marlene Kuntz. Per il resto, l’esordio solista del cantautore cuneese prova ad affermare qualcosa di diverso rispetto a quanto fatto in precedenza con il gruppo di “La canzone che scrivo per te”, presentandosi con brani intimi, delicati, ricchi di pathos ma sorprendentemente leggeri, nonostante le tematiche contenute nei testi siano senza dubbio impegnative.

Il frontman dei Marlene Kuntz affronta infatti dilemmi filosofico-esistenziali come il dualismo mente-cuore, ma anche la vulnerabilità, la paura, la depressione, i rischi ai quali il Pianeta va incontro, il panico e il rapporto padre-figlio nei suoi lati più “sconvenienti”. E lo fa con ballate essenzialmente acustiche impreziosite dai contributi di musicisti come Enrico Gabrielli (Calibro 35 , Mariposa e The Winstons), presente in “Dietro le parole” con flauto e melodica, in “Figlio e padre” con il solo flauto e in “Panico” con violino e sax; le coriste Valentina Santini e Alice Frigerio presenti in “Ho bisogno di te”, il cui pianoforte è invece di Vittorio Cosma; Simone Filippi e i produttori e musicisti Gianni Maroccolo e Luca A. Rossi, senza i quali, ha sottolineato Godano nelle interviste relative all’album, il disco “non suonerebbe così e non saprebbe darmi le soddisfazioni che provo quando lo riascolto”.

Due artisti, questi ultimi, che Cristiano Godano conosce bene: Gianni Maroccolo è stato il mentero dei Marlene Kuntz, nonché il bassista del gruppo per diverso tempo. Quanto a Rossi, Godano riconosce al musicista degli Üstmamò il merito di aver interpretato il mood del disco con grande sensibilità, con particolare attenzione per i pezzi più country di “Mi ero perso il cuore”, come “Com’è possibile”, che cita “Blowin’ in the Wind” di Bob Dylan, e “Ma il cuore batte”.

TRACKLIST

01. La mia vincita (03:52)
02. Sei sempre qui con me (04:36)
03. Ti voglio dire (04:12)
04. Com'è possibile (04:14)
05. Lamento del depresso (05:09)
06. Ciò che sarò io (04:51)
07. Ho bisogno di te (04:31)
08. Dietro le parole (04:24)
09. Padre e figlio (03:51)
10. Figlio e padre (03:56)
11. Panico (02:17)
12. Nella natura (03:45)
13. Ma il cuore batte (03:57)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.