Rockol - sezioni principali

Recensioni / 14 lug 2019

X - UNDER THE BIG BLACK SUN - la recensione

X, non fatevi spaventare dal termine “punk”: "Under The Big Black Sun" è grande rock a stelle e strisce si parla.

Questa nuova stampa su vinile (con audio rimasterizzato) è un acquisto praticamente obbligatorio, se nella vostra collezione già non avete una versione dell’album

Voto Rockol: 4.0/5
UNDER THE BIG BLACK SUN
X
Elektra Entertainment (Vinile)
Powered by     

di Redazione Vinyl

Exene Cervenka e John Doe. Una coppia che per i generi punk e americana è l’equivalente di Bonnie e Clyde o di Serge Gainsbourg e Jane Birkin.
Insieme a due personaggi che sono tutto tranne che gregari – il batterista DJ Bonebrake e il biondissimo guitar master rockabilly Billy Zoom (che ha suonato persino con Gene Vincent, per fare la gavetta) – formano gli X.

Nel 1982 la band taglia il traguardo del terzo album con questo Under The Big Black Sun, facendo il grande salto verso una major, la Elektra. A parte questo, il sound del gruppo è più compatto e convincente che mai: gli X sono i maestri indiscussi, in quel momento, di un punk poetico ed esuberante, che mescola la tradizione dei Sixties, l’energia delle sonorità più ruvide e un tocco di disperazione/maledettismo in puro stile beat generation.
Ad aiutarli, in veste di produttore, c’è ancora lui: Ray Manzarek, l’ex tastierista dei Doors, che già si è occupato dei due album precedenti.

CONTINUA A LEGGERE SU DEAGOSTINIVINYL.COM

Lato A

The Hungry Wolf
Motel Room in My Bed
Riding With Mary
Come Back To Me
Under The Big Black Sun 

Lato B

Because I Do
Blue Spark
Dancing With Tears In My Eyes
Real Child Of Hell
How I Learned My Lessons
The Have Nots