«PURE & SIMPLE - Dolly Parton» la recensione di Rockol

Dolly Parton - PURE & SIMPLE - la recensione

Recensione del 15 set 2016

La recensione


Dolly Parton non entrava in studio da ormai tre anni: l'ultima volta che aveva messo piede in una sala di registrazione era stata nel 2013, quando diede il via alle registrazioni di "Blue smoke", il suo 42esimo album in studio. La cantante country è tornata a lavorare in studio tra la fine del 2015 e l'inizio del 2016 per lavorare a quello che è poi diventato "Pure & simple", il suo 43esimo disco. A questo nuovo album, Dolly Parton si è dedicata anima e corpo: non ci ha messo solamente la voce, ma se lo è anche prodotto.





"Pure & simple" è un album semplice ma al tempo stesso molto complicato: si tratta - come il titolo stesso lascia intuire - di un disco dalle sonorità semplici, dagli arrangiamenti essenziali. In primo piano c'è solo la voce di Dolly Parton: è complesso perché la voce di un cantante - si sa - dopo una certa età comincia ad indebolirsi, ad essere meno perfetta che in passato. E Dolly Parton, oggi, di anni ne ha 70. È complesso, ma al tempo stesso coraggioso, perché anziché mascherare la voce, la cantautrice ha deciso di metterla in primo piano, mostrandone anche le fragilità. E in questo, il nuovo lavoro di Dolly Parton è - appunto - "puro" e "semplice".

L'idea di realizzare un album del genere è nata nell'agosto del 2015, dopo un concerto tenuto a Nashville accompagnata solamente da un quartetto d'archi. Nel disco ci sono sia canzoni nuove che brani tratti dal repertorio di Dolly Parton, come ad esempio "Tomorrow is forever" (originariamente incisa come duetto con Porter Wagoner nel 1979), "Say forever you'll be mine" (sempre incisa con Porter Wagoner nel 1975) e "Can't be that wrong" (già registrata nel 1984).

Sulla copertina del disco Dolly Parton è seduta vicino ad un ruscello, vestita di bianco, con un sorriso smagliante e una chitarra acustica sulle gambe: la sua forza e la forza di questo "Pure & simple", ennesima perla di un repertorio da standing ovation, sta tutta lì.

TRACKLIST

#1
01. Pure and Simple (02:43)
03. Never Not Love You (03:35)
06. Outside Your Door (03:03)
08. I'm Sixteen (03:33)
10. Forever Love (03:29)
11. Mama (03:41)
12. Lovin' You (03:26)

#2
03. How Great Thou Art (03:33)
04. Jolene (02:40)
07. Help! (02:44)
09. 9 to 5 (02:45)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.