«GRAND ROMANTIC - Nate Ruess» la recensione di Rockol

Nate Ruess - GRAND ROMANTIC - la recensione

Recensione del 06 lug 2015 a cura di Mattia Marzi

La recensione

Era l'estate del 2012. Faceva caldo, molto caldo. Un anticiclone esteso ben oltre tre milioni di km² si accanì su tutta Europa, Italia inclusa: i numeri dicono che fu la seconda estate più calda di sempre. Mentre la calura estiva imperversava in modo a dir poco asfissiante, nelle radio italiane - tra le varie "Pulcino pio", "Call me maybe" e quella "Cercavo amore" di una Emma da poco cornificata da Stefano De Martino: ricorderete le prime pagine dei vari settimanali di cronaca rosa, no? - si faceva strada una sorta di marcetta pop-rock che strizzava l'occhio a qualcosina dei Queen e a qualcosina di Mika: il brano in questione si intitolava "Some nights" e a cantarlo erano i Fun.. Alla fine dell'anno, "Some nights", che era il secondo singolo estratto dall'omonimo album in studio del trio newyorkese, si rivelò una vera e propria hit a livello mondiale (con più di 4 milioni e mezzo di copie vendute in tutto il mondo).

In seguito al successo di "Some nights", tuttavia, i Fun. si rinchiusero in un lungo silenzio che tutt'oggi rimane interrotto, tanto che qualcuno ha ipotizzato addirittura uno scioglimento. Ad alimentare queste voci, lo scorso febbraio, è arrivata pure la notizia relativa alla pubblicazione del primo album solista del frontman della band, Nate Ruess, che nel corso di questi tre anni ha comunque continuato a far parlare di sé per una serie di collaborazioni (in primis quella con Pink per il singolo "Just give me a reason"). Intitolato "Grand romantic", il disco è stato descritto dallo stesso Nate Ruess - smentendo i gossip relativi allo scioglimento dei Fun. - come una sorta di parentesi, uno spazio che il cantautore ha voluto ritagliare per sé.

Il disco è prodotto da Jeff Bhasker, lo stesso produttore di "Some nights", e musicalmente parlando è una sintesi dell'universo di Nate Ruess: al suo interno sono infatti contenuti dodici brani caratterizzati, nella maggior parte dei casi, da ritmi coinvolgenti e festosi, da coretti à la Queen e atmosfere da musical, colorate, esuberanti e festose (le stesse che troviamo nei dischi di Mika, per intenderci - il confronto scatta quasi involontariamente, e non è un bene: in diversi passaggi di questa sua prima prova solista la voce di Nate Ruess ricorda troppo quella del collega di origini libanesi: ascoltate ad esempio il ritornello di "Take it back"). La copertina, in questo senso, che mostra Nate circondato da fiori, palloncini e maschere carnascialesche, si rivela particolarmente azzeccata. L'intero album è pervaso da una certa felicità: la musa ispiratrice è Charlotte Ronson, sorella del produttore Mark Ronson, alla quale Nate è legato sentimentalmente. Non si canta di pene d'amore, in "Grand romantic", ma dell'innamoramento e della felicità da innamoramento (su questa linea più spensierata e gaia si muovono pezzi come "Nothing without love", che avrebbe dovuto far parte dell'ideale sequel di "Some nights", "You light my fire" e "Great big storm"); in tutto questo amoreggiare non mancano però episodi più intristiti e malinconici, in cui anche gli arrangiamenti si fanno più cupi, come nel caso di "Moment" e "Take it back" (con un bell'assolo alla chitarra elettrica di Jeff Tweedy dei Wilco, che suggerisce un clima quasi blues).

Per "Grand romantic" Nate Ruess si è avvalso di diverse collaborazioni: oltre a Beck, co-protagonista di un duetto sulla folkeggiante "What this World is coming to", alle registrazioni dell'album hanno preso parte anche Emile Haynie (che si è occupato delle percussioni di tutti i brani), la voce di "I follow rivers" Lykke Li (impegnata ai cori di "Nothing without love") e - last but not least - il chitarrista dei Red Hot Chili Peppers Josh Klinghoffer (una vecchia conoscenza del già frontman dei Fun., che lo aveva già ospitato in un album realizzato con la sua prima band, i Format).
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.