«WE WILL REIGN - Last Internationale» la recensione di Rockol

Last Internationale - WE WILL REIGN - la recensione

Recensione del 22 ott 2014 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Rocker di tutto il mondo unitevi! E’ tornato il rock sulle barricate (e suona benissimo). “We will reign” è il disco di debutto dei Last Internationale, band che fin dal nome si richiama all’Internazionale dei lavoratori, l'associazione simbolo del socialismo di fine ‘800 e primi ‘900, nelle sue varie incarnazioni, e L’internazionale, la canzone simbolo della sinistra.
Rock politico fuori tempo massimo? Tutt’altro, perché questa filosofia in musica ha una lunga tradizione che è ancora attiva, da Billy Bragg ai Rage Against The Machine. Giusto l’altro giorno Tom Morello ha pubblicato una canzone dedicata alle proteste antirazziste di Ferguson. E proprio Morello è il deus ex machina di questo splendido album di debutto: dopo avere ascoltato i newyorchesi Edgey Pires (chitarra) e Delila Paz (voce), ha suggerito loro un batterista, Brad Wilk dei RATM. E ha portato in dote Brendan O’Brien (Pearl Jam, Springsteen) e Brendan Benson (Raconteurs) come produttori artistici, curando a sua volta la produzione esecutiva.
Il risultato è un disco che unisce diverse anime con canzoni che più che politiche sono “socialmente consce”.


Ma al di là di tutto, “We will reign” è un disco di solido rock, dritto (“Life, liberty, and the pursuit of indian blood”), talvolta più modernizzato (gli echi Black Keys di “Fire” e quelli RATM di “Killing fields”, con quel riff che sembra suonato da Morello ). C’è un’ottima produzione e ottimi suoni (con quella gente dietro il mixer…). Ma c’è soprattutto un’ottima scrittura e Delila Paz ha una voce potente e personale: il singolo “Wanted man” è davvero una gran canzone, semplice e imponente allo stesso tempo, con un gran crescendo. Notevoli anche la cover di “Baby it’s you” delle Shirelles e brani più acustici, come “Devil’s dust” o “I’ll be alright”.
Come nella tradizione dei RATM (ricordate la scritta “No samples, keyboards or synthesizers used in the making of this record”, sul loro primo album?) si vantano di non usare elettronica, e si sente. “We will reign” è un album di classic rock contemporaneo, una delle più belle sorprese di questo periodo.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.