«EL PINTOR - Interpol» la recensione di Rockol

Interpol - EL PINTOR - la recensione

Recensione del 05 set 2014 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Il giochino del titolare semplicemente “Interpol” l’album se l'erano già bruciato quattro anni fa. Così hanno scelto l’anagramma “El pintor”. Decisamente poco originale.
Non è molto originale neanche questo quinto disco della band americana. Non sono mai stati molto originali, gli Interpol. Al primo disco suonavano un po’ come i Television (ah, quel riff rubato da “Marquee Moon” per la loro canzone più bella, “Obstacle 1”) e i Joy Division. Delle ottime copie modernizzate, ma pur sempre delle copie. I dischi successivi, tra alti e bassi, suonavano come il primo - solo meno bene. Ma se avessero dovuto intitolare un album semplicemente “Interpol”, sarebbe dovuto essere questo, non quello precedente.
“El pintor” suona un po’ come tutti i dischi precedenti della band. Solo meglio. Non come “Turn on the bright lights”, che rimane uno dei dischi simbolo del nuovo rock di inizio millennio. Ma "El pintor" suona decisamente meglio dei precedenti. Lo si capisce subito, fin dalle prime note, fin dal titolo della prima canzone: il ritorno della rabbia.



Non sono mai stati rabbiosi, gli Interpol. Nella loro musica c’è poca pancia e molta testa, soprattutto nei riff geometrici di Daniel Kessler. Però a questo giro a fare la differenza c’è il suono: più pulito, più secco. Le canzoni sono più canzoni, più essenziali e meno arzigogolate. Meno tastiere, meno sovraincisioni. Gli Interpol sono tornati a fare la band, in modo più diretto. Suonano bene assieme, l'esperienza si sente e paradossalmente può avere aiutato l'aver perso un pezzo (il bassista Carlos Dengler) e avere inciso questo album come trio.
“My desire” ricorda “Obstacle 1” (che appunto ricordava “Marquee moon”); Il riff è quasi lo stesso di “Same town new story” (provate a fare uno “skip” da una canzone all’altra...). E così come “Anywhere”, le prime quattro canzoni ricordano le atmosfere del primo album, con poche variazioni. Qualche evoluzione del suono c’è, più avanti nell’album: “Everything is wrong” ricorda più i New Order che i Joy Division, forse?
Forse sì. Ma tutto questo, alla fine, è un bene. “El pintor” è un disco che oggi suona un po’ fuori dal tempo: non c’è più quella New York di inizio millennio. Quella che sembrava poter far rinascere una scena simile quella della fine degli anni ’70. Una parte di quell’indie-rock che voleva essere mainstream è sparita (per dire: dove sono finiti gli Strokes? Sembravano destinati ad essere le nuove megastar, e si sono persi per strada...).
In questa dissoluzione dell'indie-rock-mainstream, gli Interpol hanno avuto il grande pregio di continuare dritti per la loro strada, facendo quello che sanno fare: "El pintor" sarà pure una copia, ma è decisamente una bella copia.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.