«NO BEGINNING NO END - Josè James» la recensione di Rockol

Josè James - NO BEGINNING NO END - la recensione

Recensione del 07 feb 2013 a cura di Michele Boroni

La recensione

Il nome Jose James non suonerà nuovo agli appassionati di black music. Viene da Minneapolis ma, al contrario di quel che possiamo superficialmente pensare, non ha mai fatto parte della corte di Prince. A New York invece lo nota nel 2008 Gilles Peterson, celebre dj inglese dai gusti assai eclettici (nel suo eccellente programma “Worldwide” in onda su Bbc e Radio Nova si può ascoltare dal jazz anni 30 alla minimal techno passando dai suoni dall'oscura band neozelandese che suona bossanova afro). Peterson, che fu ispiratore del movimento Acid Jazz negli anni '90, inizia a fargli da mentore e da produttore di suoi tre dischi di nu jazz-urban soul. Convinto delle superlative e versatili doti canore di James, lo coinvolge in una serie infinita di collaborazioni, sul palco con jazzisti classici come McCoy Tyler, con rapper californiani (Oh No) e in studio con pionieri dell'elettronica come Flyng Lotus.
Ottime performance, grande apprezzamento da parte della critica, scarso il riscontro sul mercato.
Così Jose James abbandona Gilles Peterson e prova a far di testa sua. Si autofinanzia le registrazioni di questo “No beginning no end” e lo co-produce insieme ad eccelsi musicisti come il bassista Pino Palladino e il tastierista jazz Robert Glaspert. Poi vende il pacchetto completo alla Blue Note Records che si occupa della distribuzione (formula questa sempre più utilizzata da artisti che hanno idee e che non vogliono siano banalizzate da produzioni imposte dalle case discografiche; una tendenza, questa, su cui dovremmo presto tornare).
Il risultato è buono. Jose James continua a navigare tra stili e generi, ma lo fa con meno voglia di stupire e con più consapevolezza rispetto al passato.
Il mid-tempo la fa da padrone. Nel brano di apertura “It's all over” gran bel groove con echi dub oppure in “Trouble” che con quel basso funky, le linee di organo, le esplosioni di fiati e le aperture di soul melodico la trasformano in un classico. Nella successiva “Vanguard” svela invece una sensibilità di jazz moderno tutto giocato su cambiamenti ritmici e armonie complesse, mentre in “Sword + Gun” cantato in coppia con la franco-marocchina Hindri Zahra, gli arrangiamenti di fiati afro ricordano quelli di Fela Kuti.



C'è anche spazio per il pop da classifica stile Alain Clark e James Morrison (“Come to my door”) impreziosito da un testo sull'amore incondizionato di grande effetto, o per il duetto super convenzionale con Emily King “Heaven on the ground” dove il nostro si muove sul terreno di Luther Vandross e ne esce con gran classe. Lo stile vocale di Jose James è maturo, caldo ma dritto, elegante ma che non si concede a facili svisate o trucchetti di mestiere. Ascoltate in “Do you feel” come riesce nella sua interpretazione a miscelare naturalmente gospel, blues, jazz e soul o in “Tomorrow” dove ricorda Nick Drake.
Sebbene la produzione musicale sia di gran livello, non tutto nel disco però funziona: la title track è uno di quei pezzi di super climax à la D'angelo che ormai sono diventati ripetitivi, lo stesso dicasi per “Make it Right”.
“No beginning no end” è un disco intimista sincero e fortemente voluto; pur non portando con sé particolari innovazioni o temi originali, rivela un autore e un interprete maturo che, come i liquori di pregio, nei prossimi anni rischia di essere sempre più memorabile.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.