«REGIONS OF LIGHT AND SOUND OF GOD - Jim James» la recensione di Rockol

Jim James - REGIONS OF LIGHT AND SOUND OF GOD - la recensione

Recensione del 06 feb 2013 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

I dischi solisti sono una brutta bestia. Impossibile non paragonarli al lavoro della band principale. Soprattutto quando la band sono i My Morning Jacket. Ovvero una band da “culto di massa”, una sorta di Grateful Dead contemporanei, per seguito fedele e potenza live. Molto di più di una jam band, sono uno dei gruppi rock dalla personalità più forte in circolazione: non assomigliano a nessun altro, e nessun altro assomiglia a loro.
Così, questo “Regions of light & sound of God” soffre inevitabilmente del confronto con la band di cui Jim James è leader indiscusso. Ed esce vincitore dal confronto. Non perché sia meglio o peggio delle cose dei MMJ. Semplicemente perché riesce nella sfida di ogni disco solista: essere contemporeaneamente riconoscibile (e riconducibile alla sua matrice), ma conteporaneamente diverso.
La storia di questo album dice che James si è ispirato ad un vecchio “libro” degli anni ’20 una storia incisa su legno e considerata per certi versi una progenitrice delle moderne graphic novel, “A god’s man”. James ne ha preso i temi (redenzione, lotta contro i propri demoni) e li ha trasformati in canzoni, in una sorta di “concept album”.
Questa terribile definizione, in grado di far scappare chi dalla musica vuole solo canzoni e non pesanti “pipponi”, non rende giustizia all’album: “Regions of light and sound of God” è un album in cui si ritrova la capacità dei MMJ a scrivere musiche fuori dalle strutture convenzionali - dimenticatevi “Strofa-ritornello-ponte-strofa-ritornello”. E ciò nonostante - anzi, proprio per questo - è un disco di canzoni-canzoni. Ed è un disco che suona completamente fuori dal tempo: suoni d’altri mondi e d’altri tempi, come i fiati di “All is forgiven”, rielaborati su elettronica e campionamenti - il giro di piano ipnotico di “State of the art”, gli archi campionati di “I din’t know til now”. James ha fatto tutto da solo, suonando tutti gli strumenti, e si sente.

“Regions of light and sound” è un disco facile e difficile allo stesso tempo. Chi ama i MMJ ci ritroverà molte cose della band - magari non le chitarre, quelle proprio no. Gli altri troveranno uno dei migliori e più originali autori di canzoni in circolazione.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.