«BIOPHILIA - Björk» la recensione di Rockol

Björk - BIOPHILIA - la recensione

Recensione del 10 ott 2011 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Ci sono molti modi per affrontare un disco come “Biophilia”, nuovo album di Bjork, a quattro anni da “Volta”.
Il primo è forse quello giornalisticamente più corretto; non può prescindere dall’ammirazione per chi ha creato un’opera totale di queste dimensioni e di questa profondità. Perché questo è, Bjork: una delle poche Artiste musicali contemporanee con la A maiuscola. Che ha pensato i brani di “Biophilia” come un concept album vero e proprio (per una volta la definizione non è abusata), una sorta di riflessione sui diversi aspetti della natura e della vita. La concettualizzazione del lavoro ha un altro lato, ancora più profondo e complesso. Il disco è stato pensato con l’iPad e per l’iPad; è un album-applicazione, per cui per ognuna delle canzoni c’è un software realizzato con sviluppatori ed artisti, che permette di esplorare mondi legati alla canzone, interagire con essi e con la canzone stessa. E’, se non il primo album-app, sicuramente il primo fatto da un’artista di questo livello. Poco importa che le prime app non fossero poi così innovative, rispetto alle cose che si vedono o si sono già viste sul tablet della Apple: “Virus”, per esempio, è un gioco molto semplice di navigazione in un tunnel vettoriale, a seconda del progresso si modifca il brano (che è presentato, come tutte le canzoni, anche in un di clip che permette di seguire le parole con la struttura della canzone - anche questa un’idea non nuovissima ma eseguita bene). Il risultato di queste app non è sempre all'altezza delle aspettative, ma l’idea è però molto ambiziosa, così ambiziosa da aver causato il ritardo della pubblicazione dell’album di due settimane. A questo link trovate una bella e informatissima recensione che segue questo approccio.
Però.
Però c’è un altro modo, più di pancia, di affrontare quest’album. E riguarda la musica. Anzi, le canzoni. Perché si può vestire, sovrastrutturare, ridefinire all’infinito un’opera musicale. Ma nel pop la base di tutto rimangono le canzoni. Sono le fondamenta: se ci sono, regge tutto; anzi possono - devono - bastare da sole.
E qua c’è il dubbio grosso di questo disco - e in generale dell’ultima fase della carriera di Bjork, forse solo escluso “Volta” che era un disco meno sperimentale e più ritmico. L’eccessiva intellettualizzazione della musica ha fatto sì che Bjork perdesse di vista le canzoni. Ci sono degli ottimi brani, in “Biophilia”, come “Crystalline” (molto ritmica: sarà un caso?) o “Cosmogony” - che ha una melodia riconoscibile. Ma in generale Bjork sceglie strutture sempre più rarefatte che lasciano poco spazio alla melodia, alla riconoscibilità. Canzoni che si reggono quasi esclusivamente sulla voce - che è sempre incredibile, unica. Ma certe volte non è abbastanza: ascoltatevi “Dark matter”, o l’inizio di “Hollow”, cacofonia pura, indescrivibile a parole (a meno che non siate dei fan).
Insomma, nel complesso, l’ascolto di “Biophilia” lascia un po’ spiazzati, per questa netta frattura tra le intenzioni artistiche e intellettuali e i risultati strettamente musicali. A voi decidere quale punto di vista scegliere su questo album - io non ho molti dubbi....

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.