«BLOOD CANDY - Posies» la recensione di Rockol

Posies - BLOOD CANDY - la recensione

Recensione del 04 ott 2010 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Non so se esista davvero il pop-alternative, etichetta che ho letto da qualche parte per la presentazione del nuovo disco dei Posies. So che questa band fa parte di una razza in estinzione, gli alfieri di un genere che di sicuro esiste: il power-pop.
Arrivano da Seattle, i Posies. E già negli anni ’90 facevano questa musica fatta di melodie e armonie, di chitarre arpeggiate, mentre il resto della loro città era impegnata ad essere nichilista, ad indossare camicie di flanella e a rivisitare i Led Zep. Lo hanno supportato in modi diversi, questo genere: per esempio prestando Ken Stringfellow e John Auer alla reunion dei Big Star, che sono stati i padrini del power pop fino alla morte improvvisa di Alex Chilton. E ora tornano a fare musica per conto proprio, a cinque anni dall’ultimo disco di studio, “Every kind of light”, che arriva dopo una lunga pausa.
Le note di copertina dicono che volevano fare qualcosa di diverso, questa volta. Ma tutto cambia per non cambiare, perché sembra di tornare ai tempi di “Frosting on the beater”, il loro capolavoro del ’93, che recentemente hanno riproposto per intero in concerto. Non so davvero cosa ci sia di “alternativo” nel loro sound, forse il fatto che non incidono più per una major come ai tempi. C’è solo del buon rock-pop, con la voce piacevole di Stringfellow (e capisci perché i R.E.M. l’hanno usato come sesto uomo per buona parte del decennio), un suono che pesca dai Beatles, dai Beach Boys, battendo quelle strade semplici e melodiche che tanti alternativi odierni schifano. Le canzoni che funzionano meglio sono quelle come “The glitter prize” o “Notion 99”. Ma tutto il disco, alla fine, funziona e scorre via che è una meraviglia. Imparate, giovani band: la semplicità è qualcosa che andrebbe cercata di più, in musica.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.