«NOT TOO LATE - Norah Jones» la recensione di Rockol

Norah Jones - NOT TOO LATE - la recensione

Recensione del 17 gen 2007 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Norah Jones ha il merito di aver inventato un genere, o quantomeno di averlo fatto esplodere: il jazz-pop. Dopo di lei, e dopo il suo pluripremiato e pluri-venduto “Come away with me”, è stato un susseguirsi di artisti che cantano canzoni semplici e melodiche con arrangiamenti minimalisti e jazzati. Sono state sopratutto le donne a seguire il filone (si pensi a Madeleine Peyoroux), con qualche esempio maschile (Amos Lee, non a caso prodotto da Lee Alexander, bassista, compagno e co-autore della Jones).
A cinque anni di distanza dal quel primo disco, e 3 anni dopo “Feels like home”, la Jones arriva al terzo album: “Not too late” non cambia le carte in tavola, e probabilmente è un disco di assestamento artistico e numerico.
Qualche differenza rispetto al passato, qua c'è: non ci sono cover, le canzoni sono state scritte tutte dalla Jones insieme a Lee Alexander, privilegiando la chitarra piuttosto che il piano. Il risultato, anche per questo motivo è un disco che di jazz ha veramente poco, piuttosto è un disco radicato nel cantautorato folk e nel blues, con una grande attenzione alla semplicità e alla melodia. Insomma, la formula che ha permesso alla Jones di farsi conoscere e apprezzare da un pubblico vasto e trasversale: il singolo “Thinking about you” è forse meno incisivo di “Sunrise” o di alcuni dei brani traino di “Come away with me”, ma è pur sempre una bella canzone. Un discorso analogo si potrebbe fare per tutti e tredici i brani del disco, in cui spiccano “My dear country” e “The sun doesn't like you”.
Insomma, contemporaneamente una conferma di un talento e la conferma di un limite: Norah Jones è questa qua, e smaltito l'effetto sorpresa da lei non ci può aspettare altro che queste canzoni piacevoli, ma anche intercambiabili l'una con l'altra.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.