«MAHOGANY SOUL - Angie Stone» la recensione di Rockol

Angie Stone - MAHOGANY SOUL - la recensione

Recensione del 24 dic 2001

La recensione

Questo album si è classificato al 15° posto nella classifica dei dischi dell’anno stilata da Rockol.

In tempi non sospetti, Angie Stone ha gettato le basi per l’ormai consacrato genere musicale definito “nuovo soul”; eppure molti, ancora oggi, identificano in Erykah Badu l’avanguardia di quel movimento. In realtà, questo privilegio spetta proprio alla Stone, la quale, già dai lontani anni ’80, ha cavalcato quel sound così radicato nel gospel, nel soul, nel funk e persino nel rap, attraverso il suo lavoro d’autrice per i vari D’Angelo e Jill Jones e nei suoi progetti personali, come il trio The Sequence e Vertical Hold.
Il “neo soul” è nato con lei; la massima espressione del suo pensiero è arrivata con l’album solista “Black diamond” del 1999, ormai definito un classico.
Il secondo capitolo da solista della Stone, “Mahogany soul”, sembra destinato a consacrare definitivamente la sua statura di “regina del nuovo soul”, perché, coraggiosamente, non si fossilizza in strade già percorse (e di certo più sicure), ma intraprende un sentiero ancora più impervio. La sua musica scava a fondo nelle radici dell’anima, colpisce come l’impeto di un Sermone domenicale, si compiace delle sue origini e ridisegna la modernità, conservandone, sempre intatte, le tradizioni. Un “orgoglio nero” espresso al massimo, già dal primo singolo “Brotha” e sviluppato anche in canzoni come “Soul insurance” che, sono un pretesto per passare in rassegna (anche non esplicitamente), quegli eroi che hanno cambiato la storia e la vita di molti, compresa la sua. La “big sista” Angie Stone, in “Mahogany soul”, sembra ancora più in vena (o in dovere) di rispolverare il repertorio del soul classico e rendere omaggio ai precursori, come platealmente avviene in “Wish I didn’t miss you”, basata su un campione da “Backstabbers” degli O’Jays, “Making of you” di Curtis Mayfield e, anche in “20 dollars”, “Soul insurance” e “Snowflakes. Una personalità la sua, che quasi si annulla di fronte all’ispirazione secolare del gospel, l’orgoglio razziale e la vecchia scuola del soul, tuttavia regala una cospicua dose di magnetismo, caratteristica peculiare della sua voce.
Angie Stone non pretende certo d’avventurarsi da sola in questa nuova svolta nella sua musica; infatti, in ”Mahogany soul” si circonda d’autori, produttori e cantanti ampiamente apprezzati per la loro originalità, come Raphael Saadiq, Calvin Richardson (con il quale duetta nella canzone “More than a woman”), Ivan Matias, Andrea Martin, Rufus Blaq, Musiq Soulchild (con cui duetta in “Ingredients of love”) Warryn Campbell, Gerald Isaac, Ali Shaheed Muhammad, Eddie F, Alicia Keys ed Eve (entrambe nel remix di “Brotha”).
”Questa è la musica che rappresenta la vera essenza del soul…per come la vedo io”, sono parole della stessa Stone e, questa definizione ci pare piuttosto esaustiva per spiegare il suo “Mahogany soul”.


(Alessandra Zacchino)

TRACKLIST

02. Brotha
04. More than a woman (duetto con Calvin Richardson)
09. The ingredients of love (duetto con Musiq Soulchild)
17. Brotha – remix (featuring Alicia Keys & Eve)
18. Time of the month– bonus track
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.