«MADONNA - And You Will Know Us By The Trail of Dead» la recensione di Rockol

And You Will Know Us By The Trail of Dead - MADONNA - la recensione

Recensione del 14 lug 2000

La recensione

Per scegliere un nome come questo, bisogna essere dotati di un senso dell’umorismo piuttosto perverso, oppure di una solida vocazione all’anticommercialità, oppure entrambe le cose. E anche intitolare un album “Madonna” è uno scherzo piuttosto simpatico. Per fortuna, la band di Austin non si limita a questi giochini verbali, e mostra una buona personalità. Questo è il loro secondo lavoro, e si rivela piuttosto interessante. Stilisticamente, il quartetto si colloca dalle parti dei Sonic Youth: del gruppo newyorkese sembrano avere ereditato essenzialmente certe sequenze chitarristiche e qualche struttura armonica, guardandone il lato rock più che quello avanguardista/sperimentale. In più i Trail of Dead evitano la caratteristica indolenza vocale di Thurston Moore, in favore di interpretazioni più rabbiose. Quindi, onore ai maestri, ma senza ricalcarne pedissequamente le orme, come è giusto. “Madonna” è un disco compatto, in cui non ci sono pezzi che emergono in modo particolare, ma si fa apprezzare una volta che si è familiarizzato col suono della band. Operazione peraltro non difficile, perché i quattro parlano un linguaggio ispido ma non particolarmente astruso per chi ha seguito le peripezie della scena alternativa americana dall’inizio degli anni 90 in poi. Già “Mistakes & regrets” e “Totally natural” mostra come il quartetto padroneggi bene quell’alternanza tra parti aggressive e momenti più pacati all’interno di uno stesso brano che ha fatto la fortuna di molte band dai Pixies in poi. Ai Trail of Dead manca comunque la sensibilità pop che in genere serve per fare breccia presso il grande pubblico, e anche gli episodi più facili, come “Mark David Chapman” sono comunque abbastanza abrasivi da tenersi alla larga dal mainstream. Poco male, perché “Madonna” è comunque un fiero disco di indie rock, destinato ai cultori dell’underground.

Tracklist
“And you will know them…”
“Mistakes & regrets”
“Totally natural”
“Blight takes all”
“Clair de luna”
“Flood of red”
“Children of the hydra’s teeth”
“Mark David Chapman”
“Up from redemption”
“Aged dolls”
“The day the air turned blue”
“A perfect teenhood”
“Sigh your children”

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.