«SIGMA OASIS - Phish» la recensione di Rockol

I Phish fanno sul serio con "Sigma Oasis"

La band, famosa negli states per i suoi concerti e per gli scherzi ai fedelissimi fan, pubblica il suo miglior album di studio da tempo

Recensione del 13 apr 2020 a cura di Gianni Sibilla

Voto 8/10

La recensione

Quando i Phish hanno annunciato "Sigma Oasis" a sopresa il 1° aprile scorso, in molti hanno pensato ad un perce d'aprile.

La band è un'istituzione del rock classico americano, famosa per concerti ogni volta diversi e per i fan fedelissimi. Ma anche per gli scherzi e l'autoironia. Per rimanere ai più recenti: nel 2017 hanno tenuto 13 concerti al Madison Square Garden (oltre 200.000 persone in meno di due settimane) dal titolo "Baker's dozen", la dozzina del fornaio; ogni sera aveva un "gusto" di un donut, che determinava le canzoni, per agganci vari (nella sera del limone suonarono i Radiohead per via di "Yesterday I woke up sucking a lemon" di "Everything in its right place", e così via). Nel concerto di Halloween del 2018 si sono "travestiti" da Kasvot Växt, un'immaginaria prog band nord europea, suonando un'inesistente album (erano tuttte canzoni inedite e nuove).

“Se c’è un momento in cui non vogliamo prendervi in giro è proprio questo”, hanno spiegato ai fan, annunciando l'uscita dell'album, a 4 anni da "Big Boat". Una scherzo l'hanno fatto, sì, a tutti quei colleghi che in questo periodo rinviano le uscite dei loro album. Loro l'hanno anticipata, consci che potevano fare qualcosa di utile ai loro fan.

"Sigma oasis" è il miglior disco della band da tempo a questa parte. Riesce a risolvere il classico dilemma dei Phishi: riuscire a catturare in studio l'energia e la forza dei concerti, dove le improvvisazioni e le jam prendono il sopravvento. Il punto di partenza è che queste 9 canzoni sono inedite ma dal vivo vengono suonate da diversi anni: la band le ha già esplorate e sviluppate.

Cosi i Phish si sono rinchiusi in studio, applicando l'approccio "dal vivo", con pochi overdub successivi, solo qualche intervento della sezione archi. Ma ha privilegiato la forma canzone quindi non spaventatevi: a parte un paio di casi  (le code di "Everything's Right" e "Thread"), non ci sono quelle lunghe jam che piacciono agli iniziati e annoiano gli altri. "Sigma oasis" è un disco di canzoni-canzoni, con alcuni gioelli: la ballata "Shade", giocata su una frase romantica che diventa un mantra ("I only like the shade when you're blocking the light"), o il rock della canzone che dà il titolo all'album. 

Alla fine, "Sigma oasis" è un gran disco di classic-rock suonato da una band di grandi musicisti, che mostrano il loro amore per quello che fanno e per i loro fan. Ma a differenza di altre prove, è accessibile e piacevole per gli appassionati di rock americano in generale: e questa è la notizia più interessante. 

Un piccolo grande desiderio: quando torneremo a vedere concerti, ci piacerebbe tornare a vedere i Phish in Italia, dove non passano da quasi 25 anni. Chissà che non succeda...

 

 

TRACKLIST

01. Sigma Oasis (05:49)
02. Leaves (07:03)
03. Everything's Right (12:21)
04. Mercury (07:30)
05. Shade (04:24)
06. Evening Song (03:20)
07. Steam (07:52)
09. Thread (11:19)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.