«BIG BOAT - Phish» la recensione di Rockol

Phish - BIG BOAT - la recensione

Recensione del 17 ott 2016

La recensione

di Davide Poliani

Non che i Phish abbiano bisogno di andare incontro al pubblico, per carità: giunti con "Big Boat" al tredicesimo capitolo in studio della loro carriera, e con in bacheca una sfilza di titoli che li hanno resi negli anni una delle più solide realtà del panorama jam americano, Trey Anastasio e soci non sono arrivati al 2016 con la preoccupazione di piacere a tutti.

Chi nel successore di "Fuego" rintraccerà un approccio più diretto alla scrittura e un certo smussamendo degli angoli tenga conto di due cose: la prima, che i dischi, per una band come la loro, sono (anche) una sorta di doloroso distillato, una specie di biglietto da visita per non iniziati che dei loro leggendari set sanno poco o nulla. La seconda, che proprio in virtù degli ormai trent'anni di carriera l'accettare nuove sfide è necessario, se non addirittura vitale.

Ecco perché, al netto dei gusti, "Big boat" è tutto sommato coerente con la carriera di chi l'ha scritto e registrato. Ci sono passaggi che sicuramente in molti - specie gli affezionati della formazione di Burlington, Vermont - faranno un po' di fatica a digerire, e non ci riferiamo tanto a quelli musicalmente meno a fuoco - "Waking Up Dead", per esempio, tutto sommato innocua, sicuramente non all'altezza della poderosa "Friends", in apertura, o della struggente "Miss You" - quanto a una visibile virata introspettiva nei testi, concretizzatasi a tratti felicemente - si ascoltino "Tide Turns", "Home" o ancora "Miss You" - a tratti meno - quel "I had to get away, I was losing my interest / Instead of expanding my world I was just scanning Pinterest" in "Things People Do" come rima non è esattamente il massimo: davanti a giganti come loro, premiare l'impegno è presuntuoso, ma constatarne il coraggio e l'umiltà nel mettersi nonostante tutto in discussione è per lo meno doveroso.
 

TRACKLIST

01. Friends (03:43)
02. Breath and Burning (04:20)
03. Home (06:27)
04. Blaze On (04:20)
05. Tide Turns (04:21)
06. Things People Do (01:55)
07. Waking Up Dead (04:15)
10. Miss You (07:02)
12. More (04:22)
13. Petrichor (13:33)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.