«4FORTYS - Alberto Fortis» la recensione di Rockol

I 40 anni di "Alberto Fortis", il primo album del cantautore piemontese

“A voi romani”, “Milano e Vincenzo”, “La sedia di lillà”, “Il duomo di notte"..."Alberto Fortis" è un album indimenticabile.

Recensione del 06 lug 2018 a cura di Paolo Panzeri

La recensione

Nel 1979, un ventiquattrenne cantautore di Domodossola, pubblicava il suo primo album che, come molto spesso accade, portava, oggi come allora, quale titolo il proprio nome, “Alberto Fortis”. E come puntualmente succede negli album che segnano un esordio, nel disco vanno a confluire, fianco a fianco: i sogni, le speranze, gli entusiasmi, le paure, le aspirazioni, le debolezze, le ingenuità, i timori…insomma, in quella manciata di canzoni viene rappresentato tutto il lavoro della vita (quasi sempre, giovane vita) dell’aspirante musicista e autore che vuole urlare al mondo la propria arte. Per questo motivo ogni primo disco potrà avere e contenere mille e un difetto, ma quasi sempre è il biglietto da visita più sincero delle capacità e della personalità di un artista.

“Alberto Fortis” è stato un primo disco formidabile. Un disco molto ‘forte’ connotato da canzoni molto ‘forti’, da una scrittura personale e riconoscibile: ora diretta, ora poetica. Un disco il cui ascolto non poteva lasciare indifferenti. Un disco che lo ha rivelato come uno degli allora giovani cantautori più promettenti della canzone italiana. La promessa venne mantenuta poiché i successivi album – “Tra demonio e santità”, “La grande grotta”, “Fragole infinite” – furono dei grandi successi. Poi, si era nel frattempo giunti circa alla metà degli anni ottanta ed era trascorso più o meno un lustro dalla pubblicazione del primo disco, di Fortis iniziarono a perdersi le tracce. La sua brama di spiritualità e di sperimentazione, che si riverberava nelle nuove composizioni, lo ha portato a scivolare lentamente lontano dal grande pubblico. Giunto alla soglia dei trenta anni Alberto ha quindi iniziato a diradare le pubblicazioni, tanto che nei secondi trent’anni della sua vita i suoi album si contano quasi sulle dita di una mano.

Fortunatamente quest’anno si è ricordato dell’anniversario della sua prima uscita discografica e ha avuto la buona idea di celebrarlo con il doppio album “Alberto 4Fortys”. Nel primo dischetto viene riproposto per intero l’album “Alberto Fortis”, seguendo l’ordine della tracklist, in versione per piano e voce registrato dal vivo comprensivo di intermezzo parlato di presentazione tra una canzone e l’altra dove racconta e contestualizza come è nata la canzone che verrà eseguita e, più in generale, del percorso che ha portato alla pubblicazione dell’album. E’ piacevole ascoltare il pensiero che riserva Alberto a brani importanti come “A voi romani”, “Milano e Vincenzo”, “La sedia di lillà”, “Il duomo di notte”, ma anche le sue riflessioni sulle canzoni meno note. I ricordi sulla lunga anticamera negli uffici romani della Rca, le strategie e le intuizioni di Mara Maionchi, l’importanza della PFM che fu la band di Alberto Fortis per il disco. In qualità di bonus track vengono aggiunte in coda le versioni al pianoforte di “Settembre”, la hit del 1981 contenuta in “La grande grotta”, e “Wish I knew”, scritta con Steve Piccolo e cantata in inglese.

Il secondo dischetto, denominato “4Fortys”, è composto da nove canzoni ed è diviso in terzi. Il primo propone gli inediti “Venezia”, “Maphya” e “Caro Giuseppe”, brani dalla scrittura energica che denotano un buono stato di salute . A seguire, tre capisaldi della sua opera che vengono proposti in una versione del tutto nuova: “Milano e Vincenzo”, “La nena del Salvador” (da “La grande grotta” (1981) e “Fragole infinite” (inclusa nell’omonimo album pubblicato nel 1982). Riletture stravolte e ardite, tra rap e elettronica, che hanno ben poco a che vedere con gli originali. A chiudere tre lunghe versioni di brani meno noti del suo repertorio, “Qui la luna” (dall’album “Assolutamente tuo” - 1987), “Vivrai” (da “Dentro il giardino” - 1994) e “Innamorata” (“Fiori sullo schermo futuro” – 2005), registrati dal vivo con l’accompagnamento della Milandony Melody Band, fotografia di quanto buono possa essere Alberto Fortis dal vivo ai giorni nostri.

La storia musicale di Alberto Fortis racconta di un autore mai banale che spesso ha richiesto un ascolto più mistico che razionale, ma – come direbbe qualcuno – questo è il suo bello. A quaranta anni di distanza il suo album di esordio, divenuto un ‘classico’, mantiene intatta la propria emozionale bellezza e la nuova versione acustica con gli intermezzi parlati è un bonus davvero gradito. E tanto basta.

TRACKLIST

#1
01. tALk1 - Piano&Voce Live Studio (00:54)
03. tALk2 - Piano&Voce Live Studio (02:25)
05. tALk3 - Piano&Voce Live Studio (01:40)
07. tALk4 - Piano&Voce Live Studio (01:42)
09. tALk5 - Piano&Voce Live Studio (01:46)
11. tALk6 - Piano&Voce Live Studio (01:20)
13. tALk7 - Piano&Voce Live Studio (01:01)
15. tALk8 - Piano&Voce Live Studio (03:22)
17. tALk9 - Piano&Voce Live Studio (01:47)
20. Wish I Knew (BonUSonG) - Piano&Voce Live Studio (06:12)

#2
01. Venezia (03:49)
02. Maphya (03:31)
03. Caro Giuseppe (03:52)
04. Milano e Vincenzo - New Version (03:36)
05. La Neña del Salvador - New Version (04:22)
06. Fragole infinite - New Version (03:41)
07. Qui la luna - Live (06:35)
08. Vivrai - Live (07:37)
09. Innamorata - Live (06:56)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.