«SPUTNIK - Luca Carboni» la recensione di Rockol

Luca Carboni è diventato improvvisamente un artista cult: la recensione del nuovo album 'Sputnik'

L'operazione è interessante: la scrittura di Luca Carboni, un simbolo del cantautorato italiano anni '80 e '90, incontra quella della leva cantautorale degli anni zerodieci (ci sono Calcutta, Giorgio Poi e Gazzelle). Ma funziona?

Recensione del 12 giu 2018 a cura di Mattia Marzi

La recensione

Luca Carboni è diventato improvvisamente un artista cult. Soprattutto per la generazione degli anni '90, che negli ultimi due o tre anni ha riscoperto i suoi classici e gli ha dato una nuova vita. Il merito è anche - e forse soprattutto - della nuova scena cantautorale italiana, quella del giro dell'indie pop per intenderci: i vari Tommaso Paradiso, Calcutta e Gazzelle, tra i più ascoltati dai ventenni di oggi, citano tutti Luca Carboni tra le loro principali influenze e riconoscono di avere un grande debito artistico nei confronti del cantautore bolognese (e infatti lo invitano come super ospite dei loro concerti e inseriscono le sue canzoni nelle chiacchieratissime playlist dei Capodanni bolognesi). Carboni ricambia ora l'affetto coinvolgendo alcuni esponenti della generazione itpop nel suo nuovo album, "Sputnik".

L'operazione è interessante: la scrittura di Luca Carboni, un simbolo del cantautorato italiano anni '80 e '90, incontra quella della leva cantautorale degli anni zerodieci. A pensarci bene hanno in comune più di una cosa: la disposizione alla riflessione, la tenerezza, le difficoltà della crescita, il malessere, il senso di smarrimento (canzoni come "Sarà un uomo" e "Farfallina" potrebbero essere state scritte tranquillamente da un Calcutta o un Gazzelle; e viceversa, pezzi come "Pesto" e "Sold out" non sfigurerebbero nel repertorio di Carboni).

Calcutta firma insieme a Carboni "Io non voglio", una canzone che parte in sordina e poi esplode nel ritornello liberatorio: "Io non voglio fare l'amore / voglio un miracolo, un cambiamento radicale". La ritmica è reggaeton, i suoni sintetici: sembra quasi una "Oroscopo" versione Carboni. Completamente diversa è "L'alba", scritta insieme a Gazzelle, con un arrangiamento in stile brit pop (la musica è di Gazzelle, un fan del genere) e un testo che è più figlio di un'esigenza narrativa di un uomo di cinquant'anni come Carboni: "Tu abbracciali i nostri figli che partono per il mondo / devono andare via, vanno a sentire la vita / fino in fondo". "Prima di partire", invece, co-firmata da Giorgio Poi, mischia malinconia e spensieratezza ("La vita è il solo modo per essere felici / e sentire la nostalgia / smetterà la pioggia, tornerà l'estate / voglio sempre un lieto fine / ti prego non mi dire di no") e a livello di sonorità richiama certe produzioni pop di inizio anni '90, con un uso massiccio di tastiere e sintetizzatori.

Gli episodi più interessanti del disco sono questi, ma le altre canzoni non sono meno forti: sono tutte piccole grandi "bombe pop", potenziali hit radiofoniche. Se "Pop up", l'album del 2015, aveva rappresentato per Carboni l'inizio di una nuova fase artistica, "Sputnik" si spinge leggermente oltre: ci sono ancora più sintetizzatori, tastiere e programmazioni (la produzione è di Christian Rigano, tastierista di Jovanotti, Ferro e Elisa, anche se qui e là si sente lo zampino di Michele Canova) e le sonorità sono ancora più rotonde e sbrilluccicose.
Certo, chi è cresciuto ascoltando "...intanto Dustin Hoffman non sbaglia un film", "Forever" o "Persone silenziose" difficilmente riuscirà a trovare tracce di quei dischi, qui, ma è lo stesso a evitare confronti con il passato: "Sputnik" vuole semplicemente raccontare il Carboni del 2010, lasciando poco spazio a nostalgie passatiste.

TRACKLIST

01. Una grande festa (03:11)
02. 2 (03:16)
03. Amore digitale (03:05)
04. Io non voglio (02:57)
06. I film d'amore (03:17)
07. L'alba (03:12)
08. Prima di partire (03:31)
09. Sputnik (04:16)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.