«HÅN - THE CHILDREN - Han» la recensione di Rockol

Han: leggi qui la recensione del nuovo "The children"

Classe 1996, HÅN è il nome d’arte di Giulia Fontana, artista nata e cresciuta sul Garda, qui ai nastri di partenza con un EP a cavallo tra pop ed elettronica.

Recensione del 08 gen 2018 a cura di Marco Jeannin

La recensione

HÅN è il nome d’arte di Giulia Fontana, artista classe 1996 cresciuta sul Garda che, dopo aver studiato chitarra e pianoforte ed essersi dedicata ad alcuni progetti tra Milano e Brescia, si è messa in proprio iniziando a comporre con chitarra e laptop. Il processo di scrittura la porta a confezionare quattro pezzi, “Intro”, “The children - I see no home”, “1986” e “Hands” che compongono il suo primo EP, pubblicato per Factory Flaws in collaborazione con Freecom.

Di cosa stiamo parlando? Il mondo di HÅN è un mondo sostanzialmente pop in cui a farla da padrone sono melodie piuttosto eleganti, molto morbide e delicate (vedi “Hands”) che vanno ad installarsi su un costrutto di base elettronico/sintetico. Cantati interamente in inglese (direi davvero bene, cosa non da sottovalutare), i quattro pezzi di questo “The children” sono un buon esempio di dream pop di nuova generazione, perfettamente contaminato (ormai parlare di elettronica in questo ambito è quasi naturale) e sempre più cantautorale. Va sottolineato che proprio questa anima più cantautorale, la parte più intima di HÅN, è ciò che colpisce maggiormente del disco. Un lavoro convincente già in partenza, molto ben prodotto e mixato da Andrea Suriani e registrato al sempre impeccabile Ritmo & Blu Studio, che trova nelle interpretazioni di Giulia quel qualcosa in più. Questione di timbrica, di intenzione… mettetela come volete. Fatto è che il progetto HÅN ha le carte in regola per funzionare in Italia come all’estero; e se titletrack è stata lanciata in anteprima da The Line of The best Fit non dobbiamo stupirci.  A completare la titletrack, quattro remix ad opera dei padovani Klune (“1986”), del producer bresciano Daykoda (“The children”), A Safe Shelter (“Hands”), Kharfi e Greg Haway  (sempre per “Hands”).

“The children” è il primogenito di casa HÅN, un nome molto interessante, da tenere particolarmente d’occhio in questo 2018 che promette già molto bene.

TRACKLIST

01. Intro (04:30)
03. 1986 (03:44)
04. Hands (03:19)
05. 1986 - Klune Rework (04:02)
06. Hands - A Safe Shelter Rework (05:16)
07. The Children - Daykoda Rework (03:15)
08. 1986 - Kharfi, Greg Haway Rework (03:24)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.