«2PAC SHAKUR + OUTLAWZ - STILL I RISE - Tupac Shakur» la recensione di Rockol

Tupac Shakur - 2PAC SHAKUR + OUTLAWZ - STILL I RISE - la recensione

Recensione del 02 feb 2000

La recensione

La domanda che sorge spontanea ascoltando questo disco è a dir poco ovvia: "Ma com'è possibile che un uomo morto ammazzato circa tre anni fa possa ancora pubblicare dei dischi? Non sarà stata tutta una montatura l'omicidio di Tupac?". Una cosa è certa (o quasi), Tupac Shakur è morto e sepolto ma il materiale inedito lasciato in eredità è veramente copioso: una miniera d'oro che continuerà a rendere fior di quattrini a chi tuttora detiene i diritti di copyright. Il "nuovo" lavoro esce in collaborazione con gli Outlawz, la crew con cui il rapper californiano ha diviso ogni tipo di esperienza artistica e criminale utilizzando lo pseudonimo di Makaveli. Nel linguaggio di strada la gang cui un b-boy è affiliato viene chiamata "click", e gli Outlawz non sono altro che un tremendo compendio di gangster dai nomi sinistri e tutti dediti al rap. Al di là dei titoli e dei personaggi, in ogni caso, il sound di "Still I Rise" reca il classico marchio di fabbrica che ha sempre contraddistinto le opere di Tupac, conosciute ed apprezzate soprattutto per l'abilità di rappresentare la violenta vita di L.A. in maniera semplice e spontanea, utilizzando ritmi solari ed orecchiabili, conditi con tastiere funky e suadenti voci femminili. Non sorprende per nulla trovare nella tracklist il seguito di "Keep your head up", un singolo che insieme a "Brenda's got a bay" e "Dear mama" ha rivelato la parte più romantica di Tupac Shakur, una parte che riaffiorava prepotentemente a galla in quasi ogni canzone. Nonostante alcuni rapper come Dr. Dre abbiano tracciato chiaramente quale sarà l'evoluzione del sound Weast Coast, questo disco segue manifestamente i vecchi sentieri percorsi a metà degli anni '90, presentando rime forse un po' datate, ma fedeli a quel "Thug sound" che ha reso famoso Tupac Shakur.

TRACKLIST

01. Letter 2 the president
02. Still I rise
03. Secretz of war
04. Baby don't cry (Keep you head up 2)
05. As the world turns
06. Black jesuz
07. Homeboyz
08. Hell 4 a hustler
09. High speed
10. The good die young
11. Killuminati
12. Teardrops & closed caskets
13. Tattoo tears
14. U can be touched
15. Y'all don't know us (Bonus track)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.