«JOHANNESBURG - Mumford & Sons» la recensione di Rockol

Mumford & Sons - JOHANNESBURG - la recensione

Recensione del 17 giu 2016 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Un passo indietro, e uno di lato. Un anno fa i Mumford and Sons stupivano il loro pubblico, abbandonando il folk per darsi al rock e alla musica elettrica, con "Wilder mind”. L’operazione ha fatto discutere (e funzionava), ma ora è già passata.
E’ vero, “Johannesburg” è solo un EP, è una dichiarazione d'intenti meno impegnativa di un album intero. Ma vede il gruppo tornare parzialmente alle loro origini sonore, contemporaneamente spostandosi contemporaneamente verso un nuovo territorio.

L’operazione in sé è tutt’altro che nuova: un viaggio in un paese, canzoni registrate in loco, collaborazioni con musicisti locali. Il Sud Africa. Dove l’avete già sentita? Sì, è la storia di quella pietra miliare che risponde al titolo di “Graceland” di Paul Simon. Farlo nel 2016 è un po’ diverso dal farlo nel 1986; i Mumford, poi, hanno fatto un'operazione lampo: un breve viaggio, qualche canzone registrata in due giorni. il risultato è decisamente meno dirompente, ma comunque piacevole.

I Mumford, nelle cinque canzoni, si fanno accompagnare dal senegalese Baaba Maal, dai sudafricani Beatenberg, dai The Very Best (originari del Malawi ma londinesi). Buone canzoni, che sono risconoscibili, come "There will be time", ma senza essere già sentite. Finisce che ricordano più i primi Mumford, e più i Vampire Weekend, che Paul Simon: l'attacco di "Wona", per esempio. Apprezzabile la scelta anche di farsi da parte, nella finale “Si ti veux”, probabilmente la migliore del mazzo, lasciando spazio alla voce di Baaba Mal, che è in tour con loro (e lo sarà anche nella data milanese del 4 luglio).
Ma al di là di quello che fanno sul palco, e al di là di questo EP, sarà interessante capire la direzione del prossimo passo: folk, rock, o world? Questo EP è un buon diversivi, ma lì li aspettiamo.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.