«IN DREAM - Editors» la recensione di Rockol

Editors - IN DREAM - la recensione

Recensione del 01 ott 2015 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Non hanno mai nascosto le loro radici, gli Editors. Nel corso della loro carriera hanno citato a piene mani i Joy Division, i Television, gli U2, i R.E.M., il synth-pop. Ma hanno sempre avuto il coraggio di cambiare, di far capire che non erano solo una cosa, solo un filone. E hanno sempre avuto le canzoni.
“In dream”, il quinto album della band di Tom Smith, cambia ancora una volta le carte in tavola, e lo fa con classe - riuscendo in pieno nel gioco.

E’ un disco cupo, “In dream”, fin dalla copertina, e dalle prime note. Dimenticatevi le chitarre: qua la fanno da padrone il piano e l’elettronica, anche se in maniera decisamente più delicata rispetto ai tastieroni di “In this light and of this evening”, che ritornano solo in rare occasioni come “Life is a fear”. L’inizio di “In dreams” sembra una sorta di Nick Cave nato 20 anni dopo, mentre “Ocean at night”, con quella progressione, potrebbe sembrare tranquillamente una canzone dei National.

Ma più si va avanti nell’ascolto si capisce che questi non sono i New Order o i Depeche Mode. Sono semplicemente gli Editors, che giocano con i suoni, che costruiscono tensione non soltanto con la voce drammatica di Smith, ma usando ancora beat da synth-pop anni ’80 (Erasure, Yazoo, Bronksi Beat e giù di lì), ma in maniera più minimale, assieme ad archi e strumenti acustici.

Il risultato è affascinante, diverso da quello che ti aspetti dagli Editors, eppure assolutamente in linea con la loro musica. Forse mancano gli inni, le canzone epiche, quelle finora sono sempre riusciti ad infilare in scaletta in ogni disco, che fosse lo stadium-rock di "A ton of love” (in “The wieght of your love”), che fossero il dance-pop di “You don’t know love”.

Ma tant’è: “In dream” è una sorta di sintesi dell’anima più cupa di questa band, ed un lavoro affascinante a prescindere, per scrittura e originalità negli arrangiamenti.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.