«ACOUSTIC AT THE RYMAN - Band of Horses» la recensione di Rockol

Band of Horses - ACOUSTIC AT THE RYMAN - la recensione

Recensione del 12 feb 2014 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

A ben pensarci, l’accoppiata tra i Band Of Horses e il Ryman Theatre è quasi perfetta. Una delle band più “classiche” degli ultimi anni - nel senso buono del termine - in uno dei luoghi “iconici” della musica americana. E perdonate l’uso un po’ banale dell’aggettivo “iconico”, ma il Ryman è proprio quella cosa lì, un tempio della musica, non solo del country, non solo di Nashville (la città e ciò che rappresenta, non la serie TV che pure lo ha usato abbondantemente come ambientazione delle sue storie - tra parentesi: felici di esserci sbagliati rispetto a quanto scrivevamo un anno fa: è arrivata anche in Italia).
La soggezione che ispira quel posto ce l'ha raccontata lo stesso Ben Bridwell, nella
recente intervista. Ma anche la magia, l'acustica: il risultato è spettacolare e tira fuori il meglio della band.
Perché i Band Of Horses erano arrivati un po’ ad un punto di stallo della carriera. Bravi, dicevamo. Perfetti rappresentanti della musica “Americana” - intesa come aggettivo e come genere - ma anche un po’ anonimi, ogni tanto, senza una personalità ben definita, con il rischio di diventare solo dei bravi rappresentanti, appunto. L’ultimo disco “Mirage rock” aveva lasciato qualche dubbio. Invece, spogliati da quasi tutto, riemergono per ciò che sono: ottimi autori di canzoni, bravi arrangiatori e interpreti.



Poi, sì: i dischi acustici hanno fatto il loro tempo, sono terribilmente démodé. Anche i BoH sono démodé. Ma è comunque difficile non innamorarsi della bellezza scarnificata di “Detlef Schrempf” o di “No one’s gonna love you”, delle melodie e della voce di Bridwell, della capacità di unire semplici giri di chitarra acustica ad arpeggi di piano. Basta sentire la versione di “The funeral”, forse la canzone più bella del gruppo già nelle potenti versione elettriche dal vivo: qua è ridotta a piano e voce, con pochi accordi di chitarra.
A tratti sembra un disco di inediti di una band californiana degli anni ’70, di quelli che ogni tanto qualche etichetta tira fuori da qualche archivio e immette sul mercato, spacciandole per gemme misconosciute di cui non si può fare a meno. Musica contemporanea senza essere contemporanea - e va benissimo così. Poi rimane da vedere dove andranno, ora che un ciclo è chiuso, ora che la band non ha più un contratto discografico (quello con la Sony è terminato al disco scorso). Ma questa è un’altra storia: adesso c’è questo splendido disco.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.