«BIRDY - Birdy» la recensione di Rockol

Birdy - BIRDY - la recensione

Recensione del 28 feb 2013 a cura di Paolo Panzeri

La recensione

A proposito di teenager che faranno molto parlare di sé in un vicino futuro, Jasmine Van Den Bogaerde in arte Birdy è una di quelle più accreditate per gli anni a venire. Avete presente quando si sente parlare e dire di predestinati? Ecco, questo è uno di quei casi. Questo è uno di quei casi che se Belzebù non ci intinge la sua sulfurea e tentatrice coda l’assunto che due più due faccia ancora e sempre quattro viene confermato per l’ennesima volta. Gli ingredienti ci sono tutti, ma proprio tutti: al talento musicale è unita la bella presenza, alla freschezza della gioventù una maturità piacevolmente inaspettata.
Sgombriamo il campo dai giri di parole, “Birdy” è un esordio di buona levatura anche e soprattutto alla luce dei soli quindici anni (al tempo della incisione) dell’interprete. Un esordio con i fiocchi per la misura e la classe con la quale ogni canzone viene interpretata. Il fatto che tutte le canzoni (tranne “Without a word”, firmata dalla giovane pianista) siano brani altrui non rende l’impresa più semplice, anzi la complica maledettamente. Confrontarsi con il repertorio altrui rimanendo credibili non è mai cosa semplice. Dietro l’angolo, soprattutto quando si è molto giovani, è in agguato il ‘mortale’ effetto karaoke che tanto riscontra successo nei talent musicali televisivi. Non è mai cosa semplice avere la sensibilità di comporre una playlist altrui che sia equilibrata e credibile, per di più se di matrice maschile.
In Italia il grosso pubblico si è accorto della sua esistenza - questa l’onesta verità – per aver partecipato in qualità di ospite al recente Festival di Sanremo dove ha proposto “Skinny love”. Piano e voce, sul palco del Teatro Ariston. Difficile che, tra chi l’ha vista esibirsi quella sera, non abbia almeno esclamato tra sé e sé…però! Per quanti non lo sapessero “Skinny love” è una delle migliori composizioni di Bon Iver, uno dei talenti più cristallini dell’indie rock attuale. L’ipotesi che i punti di riferimento della ragazza siano da ricercare più tra le composizioni delle giovani barbe che tra i lustrini del pop viene avvalorata anche dalla gioiosa “White winter hymnal” pescata dal repertorio dei Fleet Foxes e da “Terrible love” dei National. Invero quest'ultima esce penalizzata nel confronto con l’originale. Non manca, nelle undici canzoni del disco, un deciso salto nel passato per rendere omaggio a uno dei cantautori a cinque stelle con la riproposizione del James Taylor 1970 di “Fire and rain”.
Questa prima prova è decisamente superata. E’ venuto spontaneo ascoltando il disco, come termine di paragone, pensare ad Adele (identica pulizia vocale in “People help the people” dei Cherry Ghost e identico passaporto), non siamo ancora a quei livelli ma l'affermazione potrebbe non essere una bestemmia. A questo punto l’inevitabile banco di prova sarà il secondo disco quando Birdy verrà chiamata a confermare tutto il buon credito che si è guadagnata, magari rilanciando la posta con un album interamente firmato da lei. Lo scorrere del tempo e l’esperienza non possono che donare a Birdy una maggiore profondità e intensità alla sua interpretazione che in questo esordio a volte risulta ancora acerba e senza quel pizzico di calore nella voce. E forse non può essere che altrimenti, in fondo non ha ancora raggiunto la maggiore età.
Prima di chiudere una curiosità che mi sento di non negare ai lettori: Dirk Bogarde, niente meno, è un pro zio di Birdy. Chi è Dirk Bogarde? Un attore piuttosto bravo che ha lasciato la sua impronta nella storia del cinema per alcune indimenticabili interpretazioni, per tutte valgano quelle de “Il portiere di notte” e “Morte a Venezia”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.