«BATTLE BORN - Killers» la recensione di Rockol

Killers - BATTLE BORN - la recensione

Recensione del 17 set 2012 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Ci sono band che si amano o si odiano, praticamente quasi senza via di mezzo. Sono solitamente quelle band che mirano in alto, tendono non solo a fare ma a strafare e spesso ci riescono pure. Come i Muse, o come i Killers.
Le due band condividono quelle aspirazioni epiche che spesso generano amore o fastidio profondo. I Muse portano a livelli stratosferici - vedremo il prossimo “The 2nd Law” - mentre i Killers rimangono più fedeli alla forma canzone. Ma il loro mix di rock, retropop e toni messianici è un impasto di quelli che generano canzoni bellamente appiccicose e/o melodie grandiose al limite della strafottenza.
E’ il loro bello e il loro brutto: e tutto si ritrova ancora una volta in "Battle born", nonostante siano passati quattro anni da “Day&Age”. Il disco mette assieme produttori tra loro diversissim come Steve Lillywhite, Brendan O'Brien e Stuart Price. Ovvero il rock anglosassone (Lillywhite), quello americano (O’Brien), il pop danzereccio (Price): che sono esattamente le componenti della musica dei Killers. La band ha introiettato il suo Springsteen interiore - quello che era esploso con (troppa) forza in “Sam’s town”. Oggi quell’afflato si sente nella costruzione delle melodie e nel tono declamatorio, come in “Runaways”. Tornano i consueti riferimenti al new wave-rock a-là New Order (“The rising tide”, ma d’altra parte a quella band i Killers devono il nome).



La presenza di diversi nomi non pregiudica troppo l’omogeneità del disco, tranne quando arriva, per una canzone soltanto, nientemeno che Daniel Lanois: “Heart of a girl” è forse il momento migliore di "Battle born", quello diverso da tutto il resto in cui capisci che i Killers potrebbero anche scegliere un atteggiamento mininalista e funzionerebbero bene lo stesso, probabilmente anche meglio. La canzone in sé è buffa, perché capisci che però non ce la faranno mai ad essere minimalisti: parte piano piano, quasi sussurrata, in puro stile Lanois, poi cresce cresce fino a diventare un inno alla U2.
Non ce la fanno proprio ad essere diversi, i Killers; sono, appunto, questa cosa qui: prendere o lasciare.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.