«OPEN INVITATION - Tyrese» la recensione di Rockol

Tyrese - OPEN INVITATION - la recensione

Recensione del 31 ott 2011 a cura di Alessandra Zacchino

La recensione

Tyrese è tornato al suo primo amore. L’affascinante cantante e attore americano negli ultimi cinque anni si è concentrato più sulla brillante carriera cinematografica che sulla musica. Un periodo nel quale, pur partecipando come ospite in alcune produzioni di suoi colleghi, l’artista ha fatto temere ai suoi fans di preferire la recitazione alla musica. Il suo ultimo album in studio è stato “Alter ego” del 2006 e da allora l’attore Tyrese Gibson ha avuto la meglio, prestando il suo talento in tre “Transformers” nel ruolo del sergente Epps, nel quinto “Fast & furious” e nel frattempo si è procurato dei nuovi copioni da imparare per vestire i panni del compianto Teddy Pendergrass e del protagonista del nuovo film di John Singleton.
Un curriculum di tutto rispetto e prospettive ancora più rosee, ma le fondamenta del suo successo sono state costruite dalla musica. E poi, con una voce come la sua, sarebbe stato davvero un terribile spreco se non avesse più trovato modo per realizzare un nuovo album. Già, perché l’etichetta che ha pubblicato i precedenti due lavori di Tyrese, la J Records, è stata messa a riposo e Gibson ha scelto una nuova strada da percorrere, fondando la sua Voltron Recordz (distribuita dalla EMI), label per la quale esce questo nuovo album “Open invitation”. Il giorno della presentazione agli addetti ai lavori della sua nuova fatica, il cantante si è detto molto soddisfatto e orgoglioso del nuovo disco che ha definito come il migliore della sua intera carriera. Il suo orgoglio nasce dall’essere stavolta in controllo totale del suo destino e di avere una più che prestigiosa lista di ospiti nonostante si tratti di un album indipendente. Tyrese per “Open invitation” ha chiamato personaggi come Rick Ross, R.Kelly e Ludacris e Faith Evans , ma soprattutto ha voluto tornare alle sue radici: la musica r&b. Dopo la pubblicazione del singolo “Stay” la scorsa estate, Tyrese ha messo subito in chiaro che l’esperimento (un po’ confusionario) tra hip hop e r&b del suo precedente “Alter ego”, era acqua passata e che stavolta si sarebbe concentrato su quello che gli riesce meglio. Le sue qualità di balladeer sono state sempre ampiamente apprezzate e in “Open invitation” la scorta di “slow jams” è in quantità industriale.
“One night”, “It’s all on me”, “Miss that girl” e “Angel” sono le canzoni più interessanti dell’album e che dimostrano la maturità e indipendenza creativa raggiunta dall’artista 32enne, il quale seppure talvolta senza particolari guizzi innovativi, ci invita ad ascoltare la sua ritrovata vera voce.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.