«III/IV - Ryan Adams» la recensione di Rockol

Ryan Adams - III/IV - la recensione

Recensione del 18 dic 2010 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Eccolo, è tornato sul serio. Nel bene e nel male. Ryan Adams, quello che pubblicava 3 o 4 dischi all’anno, ricomincia a pubblicare musica a modo suo.
La storia ve l’abbiamo raccontata qualche mese fa, parlando di “Orion” : Ryan Adams nel 2009 annuncia un ritiro dalle scene, ma nessuno ci crede. Poi si rifà sotto con quel disco che – possiamo dirlo? – era una vera boiata, un pastiche pseudo-metal quasi inascoltabile. Ora ecco “III/IV”, doppio album sempre pubblicato in autonomia, senza casa discografica. E’ un nuovo disco? No. E una boiata come “Orion”? Nemmeno, per fortuna.
Questo disco ha 21 canzoni – più diversi bonus disponibili sui vari retailer digitali e 11 demo aggiuntivi regalati sul sito dell’artista. Si tratta di “outtakes”, o meglio di un lavoro parallelo inciso ai tempi di uno degli ultimi lavori “regolari” di Adams, quell’ “Easy tiger” che fu uno dei cinque album incisi con i Cardinals come band. Il fatto che da quelle sessioni arrivi tutto questo materiale extra la dice lunga sul personaggio...
In queste tracce si ritrova spesso il Ryan Adams che gli appassionati di rock americano hanno imparato ad amare: lo scrittore di buone canzoni, supportato da una buona band, con un suono secco e diretto. E si trovano anche tutti i suoi difetti: la logorrea musicale, l’incapacità di omettere canzoni francamente inutili. Perché è vero che c’è del buono qua dentro, ma al posto di pubblicare due dischi ne bastava uno solo… Se vi piace il genere, non si può non amare canzoni come “Lovely and blue”, per intenderci. E non si può non pensare che canzoni come “Numbers” lascino il tempo che trovano….
In generale e salvo poche eccezioni, in questi due dischi ritroviamo il Ryan Adams più tagliente ed elettrico, meno incline alla ballata. L’artista di questo disco è lontano dalle sue prove migliori (che rimangono “Gold” e “Heartbreaker”) e non si avvicina neanche alle prove migliori con i Cardinals (“Cardinology” e “Cold roses”). Ma quando vuole, Adams rimane un rocker con una marcia in più, e tra le righe si sente anche qua. Si dice che Adams stia lavorando ad un paio di nuovi album: uno solo non basta, ovviamente… “III/IV” è un buon modo per i fan per ingannare l’attesa.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.