«PINK FRIDAY - Nicki Minaj» la recensione di Rockol

Nicki Minaj - PINK FRIDAY - la recensione

Recensione del 30 nov 2010 a cura di Alessandra Zacchino

La recensione

Nel sempre più desolato scenario rap al femminile, Nicky Minaj ha colmato il vuoto lasciato da Missy Elliott, Lil Kim, Foxy Brown, per troppo tempo assenti dalle scene e anche quello lasciato dalla compianta Lisa ‘Left Eye’ Lopez delle TLC. La sua non è stata certo una partenza in sordina, visto che si è imposta all’attenzione facendosi notare in numero singoli usciti nel corso del 2010, piazzandola subito al centro dell’interesse generale e ricevendo in tempi record premi e titoli onorifici. Proprio in virtù di quelle molte collaborazioni che l’hanno resa celebre, Nicki deve ora provare cosa sa fare per conto suo. Un banco di prova importante quindi questo “Pink Friday” che nel titolo, fa riferimento al cosiddetto “Black Friday”, cioè il venerdì nero che segue il “Giorno del Ringraziamento” che tradizionalmente è il primo giorno di shopping natalizio. Per Nicki Minay è il giorno delle grosse vendite per il suo disco che, come lei, ama le tinte più fluorescenti che il nero assoluto. In effetti la Minaj ricorda molto le sue colleghe già citate: da Missy Elliott ha preso la stravaganza, da Lil’ Kim e Foxy Brown la propensione per un look appariscente e sexy e con la Lopez ha in comune uno stile vocale da “chipmunk”. “Pink friday” si apre con “I’m the best” e chi l’ascolta spera davvero di trovare conferma della bravura dell’artista. In realtà, dopo aver ascoltato la generosa dose di canzoni offerta in quest’esordio, la Minaj ci pare un po’ trattenuta, come se avesse sparato le sue migliori cartucce nei dischi degli altri e che ora si senta un po’ spompata dal superlavoro. “Pink friday” è un disco tiepido, mentre le premesse erano più infuocate, e sembra preferire una scelta diplomatica per evitare di rivolgersi solo ad un pubblico di nicchia, aspirando invece a platee ben più ampie e sconfinate. Anche per questo, l’artista si avvale di collaboratori di serie A come Eminem (“Roman’s revenge”), Rihanna (“Fly”), Drake (Moment 4 life”), will.i.am (“Check it out”), Kanye West (“Blazin”) e Natasha Bedingfield (“Last chance”), talvolta utilizzando campioni da megahit anni ’80 come “Don’t you” dei Simple Minds in “Blazin” e “Video killed the radio star” in “Check it out” o anni ’90 come “No more I love you’s” di Annie Lennox per “Your love”. “Pink Friday” è un disco di canzoni gradevoli e “radio friendly” e la Minaj sceglie spesso di cantare e meno di rappare, ma tradisce le attese di quanti l’avevano forse eccessivamente idealizzata, eleggendola a paladina della causa hip hop al femminile.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.