«DISINTEGRATION (DELUXE EDITION) - Cure» la recensione di Rockol

Cure - DISINTEGRATION (DELUXE EDITION) - la recensione

Recensione del 25 mag 2010 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Giusto qualche giorno fa, ci si lamentava della scarsa qualità delle ristampe, di come spesso siano un tentativo di spillare soldi ai fan in cambio di poca roba inedita. Beh, ecco l’eccezione che conferma la regola, almeno in parte : i Cure hanno fatto le cose in grande, per la ristampa di uno dei loro dischi più amati, “Disintegration”, del 1989. Ben 3 cd: il disco originale rimasterizzato, una ristampa estesa di “Entreat” – album live che uscì in quel periodo – più un cd intero di demo e rarità. Come se non bastasse, hanno postato sul sito ufficiale dedicato alla ristampa altri 20 inediti, per lo più strumentali, come buona parte di quelli che compaiono sul secondo CD di questa deluxe edition.
Ci si sono messi d’impegno: e l’occasione ne valeva la pena, perché “Disintegration” è un disco storico, forse il miglior esempio del suono “classico” dei Cure, che pure hanno svarionato parecchio nella loro carriera. Sono passati dalla new wave degli esordi, al suono cupo ed ossessivo e dark che è la loro immagine, al pop-rock, al pop puro, ad un sacco di altre cose. Ecco, in “Disintegration” c’è tutto, con canzoni tra le migliori mai scritte da Robert Smith: lunghe ballate influenzate dalla psichedelia, canzoni pop come “Love song”, giochi neo-gotici e come “Lullaby” (in cui il protagonista è un uomo alla mercé di un ragno), un lavoro incredibile sui suoni di chitarra, e un pessimismo cosmico che traspare fin dal titolo. Non c’è una canzone sbagliata in questo album, ed è sempre un piacere risentirlo… A maggior ragione con tutta la carne al fuoco messa qua.
Poi qualcuno potrà obbiettare che molte delle cose qua presenti non sono davvero rilevanti: 12 strumentali su 20 tracce nel secondo cd; i brani inediti cantati sono solo i tre finali, “Out of mind”, “Delirious nights” e “Pirate ships” (canzoni che, per motivi evidenti, vennero scartate: non sono male, ma sono davvero poco in linea con il resto dell’album). Insomma, il rischio è che si sia privilegiata la quantità, cosa che peraltro non fanno neanche molte ristampe.
Però è anche vero che tutto il materiale è molto interessante, anche le parti strumentali, delle quali diverse sono inedite. Certo, magari interesseranno di più i fan. Però “Entreat” da solo vale l’acquisto, per chi se lo fosse perso al tempo: con le 4 canzoni aggiunte alla versione originariamente messa in commercio nel 1989, è l’intera riproposizione “live” di “Disintegration”.
Tirando le somme, questa “Deluxe edition” è una buona ristampa di un grande disco. Un’ottima occasione per riscoprirlo, come si dice in questi casi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.