«MEMOIRS OF AN IMPERFECT ANGEL - Mariah Carey» la recensione di Rockol

Mariah Carey - MEMOIRS OF AN IMPERFECT ANGEL - la recensione

Recensione del 26 set 2009 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Dire che MariahCarey è tornata è ormai banale. Il periodo “buio” è alle spalle, e “Memoirs o fan imperfect angel” è il terzo album in poco più di 4 anni, dopo “The emancipation of Mimi” e dopo “E=Mc2". Siccome le malelingue sono sempre in agguato, su questo disco non giravano belle voci, alimentate dal fatto che è stato rimandato più volte, ufficialmente per qualche ritocco dell’ultimo minuto.
Sia quel che sia, e voci a parte, questo album non sposta granché il tiro. The Dream, che ha co-prodotto diverse canzoni- dice che l’intenzione era di fare un greatest hits fatto di canzoni nuove. E si può dire che il risultato è pienamente centrato. Ma non è necessariamente un bene: il repertorio di questo album (17 canzoni, anche se ci sono diversi “preludi”, “reprise”, etc.) è rappresentativo della carriera di Mariah, divisa tra ballate raffinate – come la rilettura di "I want to know what love is", cover di un brano dei Foreigner del 1984 che chi è cresciuto negli anni ’80 si ricorderà - e i brani più ritmati, che ammiccano all’hip-hop e all’r’n’b contemporaneo. Uno dei pochi momenti in cui su vira decisamente in questa direzione è il primo singolo “Obsessed”, che infatti non ha fatto molto bene. Il resto dell’album usa l’elettronica, sì, ma con discrezione, tenendosi rigorosamente alla larga da certo r ‘n’ b contemporaneo alla Timbaland. Il mega-produttore, si dice, pare abbia lavorato ad una canzone per questo disco, ma alla fine è stata lasciata fuori dalla tracklist finale: qualcosa vorrà pur dire.
Billboard ha scritto che “Memoirs” è un ritorno alle radici r'n'b, un abbandono di del “teen pop” dei dischi precedenti. Vero, ma di fatto poi la sostanza cambia poco: il focus è sempre e soltanto sulla melodia, sulla voce, sul modo di metterla in risalto. I testi sono spesso autoreferenziali (“Obsessed”) e/o iper-romantici. La produzione è pulitissima, pure troppo per i gusti di chi scrive, ma questo è quello che piace agli amanti del genere: ancora una volta, la “I want to know what love is” è il miglior/peggior esempio in questo senso, con quei cori che si fondono con i ben noti acuti di Mariah.
Insomma: nulla di nuovo sotto il sole. “Memoirs of an imperfect angel” è un disco più che dignitoso, per chi apprezza il genere. Gli altri continueranno a non sopportarla, ma anche questa non è una novità.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.