«THE BOY WHO KNEW TOO MUCH - Mika» la recensione di Rockol

Mika - THE BOY WHO KNEW TOO MUCH - la recensione

Recensione del 21 set 2009 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Mika vive in un mondo tutto suo: colorato, visivamente e musicalmente, con regole proprie e personaggi particolari. Un mondo riconoscibile, particolare, unico anche se non originalissimo, ad essere pignoli.
Perché è vero che è facile trovare nella sua musica i riferimenti a questo e quello. Però un artista così giovane che riesce ad essere così riconoscibile è comunque da encomiare. E “The boy who knew too much”, seconda prova dopo il successo di “Life in cartoon motion" conferma tutto. il comunicato stampa che lo accompagna lo definisce “Un po’ più maturo del suo predecessore”. E non ha tutti i torti, perché è più maturo, ma non troppo: se avete letto un po’ in giro sul disco, vi avranno raccontato che Mika, dopo avere parlato dell’infanzia, ora parla dell’adolescenza, in una seconda ipotetica puntata di una storia. Da questo punto di vista, il singolo “We are golden” (che doveva anche essere il titolo del disco, cambiato in corsa) è una sorta di inno, che sembra risentire della storia del suo autore, uno che da ragazzino si sentiva “diverso” e che ora esorta a non sentirsi inferiori.
Maturo sì, ma solo un po’: perché la musica del disco non rinuncia a quella spensieratezza un po’ teatrale che ha fatto la fortuna di “Grace Kelly” o “Relax (Take it easy”). Certo, ci sono brani un po’ più riflessivi, come “By the time”, ma a definire l’album sono brani (apparentemente) scanzonati e (sicuramente) corali come “One foot”, “Blame it on the girl” o “Rain”, con il loro sapore retrò, tra anni ’70 e ’80.
Se c’è una cosa che questo disco conferma, è il talento di Mika nello scrivere genuine canzoni pop. Sono anche confermati una tendenza all’eccesso nell’arrangiamento, a mettere troppa carne al fuoco in alcuni momenti, in altri - come in “Toy boy” ad essere troppo lezioso, un po’ come Rufus Wainwright, per intenderci. Mika è più “popolare” – nel senso buono – di quest’ultimo, e perciò andrà lontano, ancora più lontano, ora non ci sono più dubbi. Speriamo che, pur senza perdere tutta la freschezza che questo disco dimostra, con il tempo maturi, e non solo un po’.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.