«MUSIC FOR MEN - Gossip» la recensione di Rockol

Gossip - MUSIC FOR MEN - la recensione

Recensione del 19 set 2009 a cura di Rossella Romano

La recensione

Ah, l'amore.... come direbbero in molti, è davvero una cosa meravigliosa. "Music for men", quarto album dei Gossip, prodotto da Rick Rubin, è un vero e proprio inno all'amore.
Ne ha fatta di strada il trio originario dell'Arkansas, insieme dal 2003 e composto alla voce da Beth Ditto, una delle cantanti più stylish in circolazione, alla batteria da Hanna Billie e alla chitarra da Brace Paine, diventati famosi con il loro motto "Standing in the way of control", titolo del loro album del 2006 che li ha resi popolari alle masse e li ha eletti gay icon per eccellenza.
Beth Ditto, carismatica frontgirl, intona a voce piena e molto più controllata dei passato, il turbamento, l'oblio, il dolore, la gioia e la rabbia che suscita il sentimento più decantato di tutti i tempi, nella musica e non solo. Non mancano di certo l'ironia e il femminismo, che da sempre hanno caratterizzato i Gossip e che aleggiano in tutte le liriche di "Music for men", quasi una sicurezza per chi è Ditto-addicted sin dal primo "That's not what I heard " del 2001. Un po' disco wave, vagamente glam e profondamente provocatorio nei confronti della morale cattolica e sudista, è il primo singolo estratto dall'album, "Heavy Cross", dove riff di chitarra e voce suadente, su un beat che richiama la dance anni '80, non possono che provocare almeno il movimento a tempo della testa anche di chi, col ballo, non ha mai avuto nulla a che fare. Pezzi come "8th wonder", con bassi graffianti e crescendo di batteria, hanno il potere di far nascere, in chi le ascolta, quella voglia di combattere che spinge a poter pensare di essere invincibili. D'altronde "The power of love" è da sempre il miglior scudo contro tutti i mali del mondo. Lascia un po' pensare la romantica "Love long distance", omaggio alle atmosfere dancefloor del famoso Studio 54, forse un po' troppo ripetitiva e poco di impatto rispetto agli altri pezzi di Miss Ditto e soci. Tocco di classe è "Four letter word", canzone dedicata all'amore in tutto e per tutto, caratterizzata, in apertura, da un sintetizzatore che ti rimane in loop nella testa, come l'intera melodia del brano. Chiude il tutto "Spare me from the mold": dal motivetto dissacrante in cui la batteria fa da padrona, è un'irriverente incitazione ad uscire fuori dal proprio guscio e a darsi da fare, in tuti i sensi. D'altronde, senza un po' di provocazione e un pizzico di carnalità, l'amore perderebbe quella sana componente ludica che fa bene allo spirito. Parola di Beth Ditto...

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.