«BLOOD FROM THE STARS - Joe Henry» la recensione di Rockol

Joe Henry - BLOOD FROM THE STARS - la recensione

Recensione del 30 set 2009 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

“Joe Henry lo davo per scontato nella tua vita”, mi disse un amico, una volta che gli magnificai con colpevole ritardo “Scar”, album del 2001 che la mia compagna mi aveva portato a casa da un viaggio, dopo averlo ascoltato per caso in una libreria.
Non aveva tutti i torti:Joe-Henry è un nome “di culto” (perdonate l’espressione trita e ritrita), amato dai presunti intenditori forse ancora di più per le sue produzioni (Elvis Costello e Solomon-Burke, per dirne un paio) che per i suoi dischi. Dagli altri è qualche volta ricordato perché è sposato con Melanie Ciccone (si, è la sorella). Insomma, uno che sta lì e non fa male. Anzi, fa musica benissimo…
“Blood from the stars” è l’undicesimo disco, a due anni da “Civilians”. E’ l’ennesima conferma della classe e della grandezza di questo musicista, che davvero non ha eguali non nel costruire quadretti sonori in bianco e nero, con quella voce sofferta ed espressiva, con quei riferimenti retrò (jazz, blues, swing…) eppure riuscendo a suonare contemporaneo.
Se proprio vogliamo fare i pignoli, non è il suo disco migliore. Non raggiunge la perfezione e la schiettezza di “Scar”, e neanche di “Civilians”. E’ un disco meno orientato alla forma canzone e alla ballad, insomma, più “raw” come dice lui stesso sul suo sito. E’ sempre un disco notturno, perfetto per l’autunno che stenta ad arrivare. Nelle tinte sonore predomina il blues e il jazz sulla melodia, che pure affiora in piccoli capolavori come “Channel” o “Stars”. Non ci sono i grandi artisti che avevano collaborato con lui passato (c’è solo Marc Ribot, in un paio di brani), ma alla fine non lo si può accusare di nulla, neanche se mette il figlio diciassettenne Levon a suonare il sax, che se la cava pure bene sempre in “Stars”, o in “Truce”.
Insomma, un disco un poco meno accessibile, un poco più sperimentale. Ma stiamo comunque parlando di un artista di livello superiore, che non bisogna fare l’errore di dare per scontato.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.