«WEST RIDER PAUPER LUNATIC ASYLUM - Kasabian» la recensione di Rockol

Kasabian - WEST RIDER PAUPER LUNATIC ASYLUM - la recensione

Recensione del 04 ago 2009 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Quando inizia "Underdog" sembra di sentire una band proveniente dalla Manchester danzereccia degli anni '90, con quell'incrocio tra chitarre e beat. Poi, entra la voce, strascicata e con accento inconfondibilmente "cockney", e sembra di sentire gli Oasis in acido. Banale, come considerazione: perché i Kasabian stanno tra questi due estremi, e si sa. Non a caso i fratelli Gallagher li portano da sempre in palmo di mano (e infatti suoneranno assieme a Milano alla fine di Agosto, il 30 alla Fiera di Rho).
Un po' di scettismo è d'obbligo in questi casi, quelli in cui la stampa inglese pompa così tanto un nome. E poi i Kasabian suonano terribilmente inglesi... Però "West Ryder Pauper Lunatic Asylum" potrebbe almeno in parte far ricredere qualcuno. Certo, il mix di rock ed elettronica è ormai scontato, anche se in produzione c'è Dan The Automator (l'uomo dietro i primi Gorillaz. E certo, la band continua con il suo immaginario sgradevole (il nome è ispirato a Charles Manson, si sa; il titolo è ispirato ad un manicomio; una canzone si intitola "Vlad the impaler"). Ma mi sembra che questa volta le canzoni siano più a fuoco, in almeno diverse occasioni. Oltre ad "Underdog", convincono anche "Where did all the love go?" e "Ladies and gentleman (roll the dice)", per esempio.
"West Ryder Pauper Lunatic Asylum" è quello che si dice un "disco di genere", nel senso che piacerà agli appassionati e farà incazzare gli altri, almeno quelli che si premureranno di ascoltarlo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.