«UNTIL THE EARTH BEGINS TO PART - Broken Records» la recensione di Rockol

Broken Records - UNTIL THE EARTH BEGINS TO PART - la recensione

Recensione del 01 set 2009 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

"I have heard the big music, and I'll never be the same", diceva una canzone dei Waterboys. Deve essere successo anche ai Broken Records, perché già dopo 3 minuti questo "Until the earth begins to part" ti fa capire di che pasta è fatto. Inizia piano, la prima traccia, "Nearly home". Poi iniziano ad entrare organo, archi, fiati. La canzone si apre, e l'arrangiamento si fa sempre più imponente, epico. "Big music", appunto quelle di cui i primi Waterboys erano i maestri indiscussi.
I Broken Records sono di Edinburgo (la città in cui è nato Mike Scott, anche se l'immaginario vuole che i Waterboys siano irlandesi). Se cercate in rete, la definizione che circola è "Gli Arcade Fire scozzesi". L'ha coniata l'NME, c'è su Wikipedia, Mojo (con la variazione "Celtic Arcade Fire), All Music. Semplificazione da stampa anglosassone, perché con gli Arcade Fire i Broken Records hanno solo la tendenza agli arrangiamenti un po' orchestrali, e quella a giocare a scambiarsi gli strumenti sul palco. Sono decisamente più folk, e anche un po' rock: nello stile vocale ricordano un po' Bruce Springsteen.
Ma, riferimenti a parte, "Until the earth begins to part", è un gran bel disco d'esordio. Le canzoni sono epiche, ma non pompose, con dei piccoli capolavori come "Thoughts on a picture (in a paper, january 2009). Gli arrangiamenti complessi ma non pesanti: in questo la band ha trovato un equilibrio che dimostra una saggezza non comune vista la giovane età. Un disco da ascoltare, una piccola gemma da non perdere per strada.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.