«A WOMAN A MAN WALKED BY - PJ Harvey» la recensione di Rockol

PJ Harvey - A WOMAN A MAN WALKED BY - la recensione

Recensione del 01 apr 2009 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

PJ Harvey e John Parish tornano sul luogo del delitto, incidendo un album assieme a 13 anni da "Dance hall at Louse Point".
Non che i due non abbiano lavorato assieme in questo periodo, ma "A woman a man walked by" è - almeno nominalmente - un capitolo a parte nella discografia della rockeuse, come già il suo predecessore.
In sostanza, Parish ha scritto le musiche, e Polly scritto i testi. E l'inizio lascia sperare bene: "Black hearted love" è davvero un ritorno sulla scena del crimine, una canzone rock di quelle che ci hanno fatto amare questa cantante, sul genere del suo capolavoro "Stories from the city, stories from the sea". Siamo anni luce dal minimalismo di "White chalk".
Si tratta almeno parzialmente di un'illusione. Perché è vero che la presenza di Parish riporta PJ su suoni e strutture vicine a quelle dei suoi dischi classici. Ma è anche vero che nei 40 minuti il singolo è l'unico episodio alla "Stories".
In sostanza, "A woman a man walked by" ripropone una PJ sempre sbilenca, irregolare, ma perfortuna meno involuta di "White chalk". Ci sono ottimi episodi, in questo disco come, "Sixteen, fifteen, fourteen" e "The Chair". E poi ci sono brani che sembrano più abbozzi di canzoni, come succedeva in in "Dance hall" e anche in "White chalk".
Insomma, se "White chalk" rischiava di essere un vicolo cieco, una strada musicale senza uscita, "A woman a man walked by" è un passo indietro per uscirne, tornando a fare un musica sempre difficile, ma meno chiusa su stessa. Onore a John Parish, per avere preso per mano Polly e averla portata un po' di più allo scoperto.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.