«CARDINOLOGY - Ryan Adams» la recensione di Rockol

Ryan Adams - CARDINOLOGY - la recensione

Recensione del 28 ott 2008 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

La domanda è sempre quella: un altro disco di Ryan Adams? Si, ma questo è uno di quelli buoni.
Questo pazzo personaggio, negli anni scorsi, si è rovinato l'immagine pubblicando musica in maniera quasi indiscriminata, arrivando anche a tre album in un anno. Adesso sembra avere rimesso la testa un po' a posto: dopo “Easy tiger”, a ben 15 mesi di distanza esce “Cardinology”. In mezzo c'è stato solo un EP. Insomma, forse si è dato una regolata.
Ed è un bene: perché quando vuole, Ryan Adams sa anche sopperire al suo difetto maggiore: la messa a fuoco . E' una macchina, scrive molto e bene, ma pecca di mancanza di ludicità. “Cardinology”, invece, è un disco lucido: nel senso che ha una sua identità ben precisa, portata avanti sia nel suono che nella scrittura. Fin dal titolo - che ammicca al suo gruppo attuale, i Cardinals - “Cardinology” si presenta come un disco da band. E' meno rock di “Cold roses”, ultima prova con i Cardinals e perfetto esempio di mancanza di lucidità: un doppio album che se fosse stato singolo sarebbe stato perfetto.
Invece “Cardinology” è più folk-rock, che è quello che Adams sa fare meglio. Non mancano le schitarrarate piacione, come “Magick”, ma dominano i mid-tempoo e le belle ballate come “Fix it”, tanto per capirci.
Insomma, siamo lontani dal suo capolavoro, “Gold”, ma non tantissimo: “Cardinology” ci restituisce uno dei talenti grezzi più belli degli ultimi anni, e ce le restituisce sgrezzato, come ci si aspetta da uno che ormai ha diversi anni e molti (troppi) album alle sue spalle. Sperando che non si perda nuovamente per strada.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.