«REAL LIFE - Joan As Police Woman» la recensione di Rockol

Joan As Police Woman - REAL LIFE - la recensione

Recensione del 08 feb 2007 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

La faccia in copertina sembra cattiva, lo sguardo un po’ truce. Anche il nome d’arte che Joan Wasser si è scelta non è dei più invitanti: “Joan come poliziotta”, e rimanda al cinema di serie B americano. Invece questo suo “Real life” è tra le musiche più sensuali e coinvolgenti venute fuori da questo 2006 appena terminato, e non è un caso che abbia finito per prendersi il titolo di “disco d’esordio dell’anno” da diverse parti.
Ascoltando queste ballate notturne, a metà tra Rufus Wainwright e Nick Cave, ci sarebbe da stupirsi di un esordio così maturo. Joan Wasser, invece ha una lunga gavetta come strumentista nell’area newyorchese: ha lavorato con Wainwright, appunto, ma anche con Lou Reed e con Antony & The Johnson (Antony le rende il favore in “I defy”, cofirmata). Alle spalle, un paio di singoli ed un bell’EP eponimo, facilmente reperibile nei servizi di distribuzione digitale (iTunes e Emusic, per esempio). Rispetto a quell’EP, per “Real life”, Joan Wasser ha scelto un taglio un po' diverso, meno chitarristico (e meno alla PJ Harvey, se vogliamo), più pianistico in diversi momenti e più vicino alla musica nera: lei infatti definisce la sua musica “Punk r&b”.
Il pregio di questo lavoro, è di essere assolutamente personale: i riferimenti musicali e l’ambiente culturale da cui arriva è chiarissimo, ma canzoni come “Feed the light” e “The ride” hanno una loro personalità ben precisa: il che supera un problema tipico soprattutto delle “rockeuse”, che spesso finiscono per assomigliarsi o assomigliare a qualcun altro. Qua di rock non ce n’è molto, almeno non nella velocità o nei suoni chitarristici; c’è nell’attitudine, semmai, nel non dare nulla per scontato, nella carica interpretativa. “As long as you follow me, this is what I do”, canta in “The ride” Joan. Non è difficile seguirla: “Real life” non è un disco immediato o di facile presa, ma di seduzione, di un avvicinamento progressivo e inesorabile alle atmosfere notturne che racconta, delle quali dopo un po’ non saprete fare più a meno.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.