«IL TRENO IN FONDO AL MARE - Antonio Ramberti» la recensione di Rockol

Antonio Ramberti - IL TRENO IN FONDO AL MARE - la recensione

Recensione del 03 feb 2004 a cura di Luca Bernini

La recensione

Non fatevi distrarre dalle citazioni, che sono numerose come spesso si conviene ad un album d’esordio, e quindi, in certo qual modo, di “spurgo”: Capossela, Conte, Waits, i tanghi, le sale da ballo, le ballad notturne. Sono cose di passaggio, e certo passeranno. Lasciatevi invece sedurre dal mondo comico spaventato e guerriero di Antonio Ramberti, dalla sua verve ironica e stralunata, che fa centro spesso, e che è merce sempre più rara nei dischi d’oggi.
Le canzoni di questo album sembrano arrivare da un altro mondo, forse perché è lui – Ramberti – che viene da un altro mondo, se “altro” lo si interpreta come “diverso” dal solito. Non arriva molto dalle Marche, infatti, ma quel poco ha un talento rustico e incontaminato proprio di gente lontana dal Grande Network Nazionale: è musica che gioca con la notte e le stelle, con le serate d’estate passate all’aperto e le lunghe ore buie d’inverno dietro ai vetri di una finestra, di casa o di un bar. Si parla, solitamente, in questi posti, e si guarda la televisione insieme. Per riderne magari, ma senza subirla, senza essere schiavi di quello che dicono debba interessarci. Rimane più spazio per le persone, per gli sguardi diretti, e per i silenzi che dicono più di tante parole.
Ecco, non so perché, ma il disco di Antonio Ramberti fa venire in mente questo mondo qui, per molti passato, per altri perduto. Regala canzoni che hanno forza e una personalità che ammalia, seppure mitigata, a momenti, da un’ingenuità ancora troppo evidente. Ma la poesia c’è, e la capacità di saperla riconoscere pure. Ascoltatevi il brano che da il titolo all’album, una ballad perfetta con un finale in crescendo davvero trascinante; oppure il similtango di “Cosa resta di noi”, il cabaret di “Renato”, e brani come “Mario”, “L’omino col cappello” e “Lo spaventapasseri innamorato”, canzoni che hanno ognuna un suo mondo musicale e ritmico di riferimento: Antonio Ramberti gioca con la musica, la mescola, la forgia, e dove non arriva inventa. Pubblicato dalla nuova etichetta della CNI, la Masaboba, “Il treno sotto al mare” è un bel regalo alla nostra canzone d’autore proprio in un momento troppo spesso si associa la crisi dell’industria a quella della musica. Niente di più sbagliato: la buona musica c’è, ed è tanta. Si tratta solo di avere ancora voglia di andarla a cercare. E di ascoltarla con il cuore.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.