«THINK TANK - Blur» la recensione di Rockol

Blur - THINK TANK - la recensione

Recensione del 01 mag 2003 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Ci sono musicisti che possono sembrare spocchiosi e un po’ supponenti. Ci sono musicisti che vengono presentati in malo modo dalla stampa, soprattutto da quella inglese, che insiste su gossip e su cavolate varie. Poi c’è la musica, e se quella funziona, tutto questo va a farsi benedire, e si possono (finalmente) ascoltare belle canzoni.
E’ decisamente il caso dei Blur. “Think Tank” è il loro primo disco di studio in 4 anni, ed il primo senza il chitarrista Graham Coxon. Negli ultimi anni si è parlato di loro soprattutto per i progetti paralleli di Damon Albarn (i Gorillaz su tutti) e poi per questa separazione, avvenuta con grande clamore, per gioia dei tabloid musicali. L’immagine che ne è venuta fuori del gruppo è quella che è. Poi arriva questo album e, per fortuna, tutto il resto passa in secondo piano.
“Think tank” è quello che si potrebbe definire un album “sperimentale”. Nel senso che del “suono Blur”, quello che molti hanno identificato con il “brit pop”, qua non c’è alcuna traccia. E nel senso che Albarn e soci hanno portato avanti, quasi all’estremo, alcune idee sonore già percorse in “13”, soprattutto per quanto riguarda il tessuto e la stratificazione dei suoni. Ma allo stesso tempo, non hanno perso di vista il fuoco, registrando canzoni che sono comunque (quasi paradossalmente) melodiche, o almeno piacevoli.
Il punto è che, in “Think tank” i Blur dimostrano di divertirsi, e divertendosi fanno buona musica. Come nel rock sporco di “Crazy beat”, nel punk di “We’ve got a file on you”, nelle reminscenze dei Clash più etnici di "Moroccan peoples revolutionary bowls club". O come nel capolavoro del disco, il singolo “Out of time”: una perfetta sintesi tra melodia e sperimentazione.
Quando li abbiamo intervistati, Albarn e soci ci hanno detto che ognuna di queste canzoni potrebbe essere un percorso a se stante per un disco. Ed è vero, nel bene e nel male. Il pregio, ed anche il limite, di “Think tank” è la sua eterogeneità. Non si sente la mancanza di Graham Coxon (che firma e suona solo nella finale "Battery in your leg"), ma forse, in certi momenti si ha l’impressione che ci sia troppa carne al fuoco. Ma questa carne, ed è quello che conta, è tanta, ottima e succulenta: buona abbuffata, quindi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.